Ad Menu

Una cena greca #2: pastitsio alle melanzane e ragù di frutta secca

Pastitsio alle melanzane e ragù di frutta secca




Arriviamo -finalmente direi- al piatto unico, re della mia cena greca tra amici.
Quando invito qualcuno ho la tendenza ad agitarmi e, soprattutto, a trasmettere la mia ansia al povero Mr D.
Proprio per questo motivo evito piatti che devono essere preparati all'ultimo minuto o che possono nascondere qualche insidia. Del resto basta un attimo di distrazione per ritrovarsi con il risotto bruciato, la pasta scotta e ritrovarsi senza nulla di decente da mettere sotto i denti per colpa di una chiacchera di troppo. O almeno... diciamo che basta un attimo a me, rimbambita come sono ^_^.
Preferisco sicuramente cucinare durante la giornata, o addirittura il giorno prima, ed arrivare a sera con tutto pronto e solo gli ultimi ritocchi da dare. In questo modo ho tutto il tempo di apparecchiare con calma, preparare qualche drink e rilassarmi in attesa degli ospiti.

Anche questa volta, quindi, ho preferito orientarmi verso qualcosa che potesse essere preparato in anticipo ed infornato all'arrivo degli ospiti: il tempo di un aperitivo e di mangiare gli antipasti (dolmades, skordalia, tzaziki e olive marinate) e il mio pastitsio era pronto per essere servito.

Per mantenere un minimo di filologicità ho rielaborato una ricetta da uno dei libri più saccheggiati da questo blog (qui, qui, qui), usando il mio ultimo amore: il ragú preparato con la frutta secca, che avevo già utilizzato nella moussaka al ragù di noci, sempre d'ispirazione greca ma decisamente troppo pesante per questa serata. Per inciso l'ho provato, con qualche modifica nella ricetta -ovviamente via l'aceto e lo zucchero e benvenuto ad un bel soffrittino-, anche in un semplice e nostrana teglia di lasagne: vi assicuro che merita di essere assaggiato ;)

Un ultima cosa prima di passare alla ricetta: da sabato è iniziata la dieci giorni di Phood al fianco di Identità Golose: passate dal nostro profilo facebook e su twitter, seguiteci o mettete un bel mi piace :)
Durante il 5-6-7 febbraio potrete seguirci sia dai social network che dal nostro live blog per vedere fotografie, video e interviste ai grandi chef, e scoprire quello che accade minuto per minuto (beh, nei limiti dell'umanamente possibile ^_^)
Potrete anche partecipare attivamente: fateci domande, chiedeteci qualche scatto che immortala uno chef o un piatto in particolare, date sfogo alla vostra fantasia: vi piacerebbe domandare qualcosa ad uno chef? Faremo tutto ciò che è possibile per rispondervi e farvi vivere Identità Golose proprio come se foste li!
Chi, fortunello, potrà partecipare di pirsuna pirsunalmente, ci troverà in sala stampa: per accogliervi, rispondere alle vostre domande, aiutarvi in caso di necessità e fare con voi tante foto per riempire il nostro wall con le facce di Identità.





Pastitsio alle melanzane e ragù di frutta secca

Ingredienti:

  • 1 kg di melanzane
  • 250 gr di ziti
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe
Per il ragù di frutta secca:
  • 150 gr di noci
  • 150 gr di anacardi
  • 50 gr di nocciole
  • 2 spicchi d'aglio
  • 400 gr di pomodori pelati, con il loro liquido
  • 2 cucchiai di doppio concentrato di pomodoro
  • 1 cucchiaio di aceto rosso
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaio di shoyu (salsa di soia)
Per la besciamella all'olio:
  • 400 gr di latte di soia al naturale
  • 40 gr di farina
  • 1 cucchiaio colmo di pasta di mandorle 100% (facoltativo)

Preparare il ragù: in una cocotte in ghisa, soffriggere l'aglio tritato con poco olio extravergine.
Tritare la frutta secca non troppo finemente (in modo che i pezzetti abbiano all'incirca le dimensioni della carne tritata) ed aggiungerle al soffritto.
Rosolare la frutta secca per qualche minuto, grattando bene il fondo perché ha la tendenza ad attaccare.
Aggiungere i pelati frullati, il concentrato di pomodoro, l'aceto, lo zucchero, lo shoyu e un bicchiere d'acqua.
Salare e pepare.
Far sobbollire coperto e a fuoco lento per circa un'ora, un'ora e mezza. Regolare il sale.

Nel frattempo preparare le melanzane:
accendere il grill del forno e tagliare le melanane a fette di 1/2 cm di spessore.
Disporre le fette di melanzana in una teglia leggermente unta; pennellarle con un po' di olio extravergine, salarle leggermente e metterle in forno il più possibile vincono al grill. 
Grigliarle per 5/10 minuti o finché diventano leggermente dorate.
Girare le fette di melanzana, spennellarle di olio e salarle sull'altro lato, e grigliarle per altri 5/10 minuti.

Per la besciamella:
In un padellino tostare a secco la farina, finché diventa leggermente dorata e profuma di nocciola.
Togliere la farina dalla padella e mescolarla con 20 gr di olio.
Versare nella padella il latte di soia, salarlo e portarlo a bollore. 
Mescolando con una frusta unire il roux all'olio, aggiungere la pasta di mandorle (facoltativa) e lasciar bollire per qualche minuto.

Una volta che melanzane, besciamella e ragù saranno pronti, cuocere la pasta in abbondante acqua salata tenendola leggermente indietro di cottura. Condirla con un filo d'olio e qualche cucchiaio di ragù.

Ungere le cocotte monoporzione o una teglia di circa 25x25 cm.
Disporre sul fondo della teglia metà delle melanzane. Coprire con metà della pasta disponendola bene, quindi versare metà del ragù ed infine metà della besciamella.
Proseguire con i rimanenti ingredienti: uno strato di melanzane, uno di pasta, uno di ragù ed infine besciamella.

Portare il forno a 180º e cuocere il pastitsio per circa 40 minuti.
Lasciarlo riposare una decina di minuti prima di portarlo a tavola.
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



41 commenti:

  1. che ricetta meravigliosa! bravissssssssima!!

    RispondiElimina
  2. Oh my goshhhhh mi sembra di sentire questi sapori paradisiaci in bocca...acquolinaaaaaaa +_+

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo dire a me! Ormai è passato qualche tempo da quando l'ho fatto, e a guardare la foto non riesco a far a meno di pensare a quanto fosse buono :)

      Elimina
  3. Il ragù di frutta secca l'ho visto la prima volta qualche mesetto fa in un veggie blog americano, l'ho provato e devo dire che mi piace molto. Quello che ho fatto io era una pie stile meat pie, davvero fantastica.
    Non avevo mai pensato però di farci un pasticcio, grazie per la dritta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece -come dicevo nel post sulla moussaka- l'avevo scoperto sul forum panperfocaccia, quello che mi rimprovero è di non averlo provato prima visto che l'ho tenuta in stand-by per... 4 anni? Cribbio! :D

      Elimina
  4. Non avevo mai sentito parlare del ragù di frutta secca. Mi sembra davvero buonissimo, lo proverò. Grazie mille per questa ricetta.

    RispondiElimina
  5. La ricetta è di quelle che ti incollano allo schermo(in senso letterale..)..Domenica ci sarò ad IG, mi piacerebbe conoscerti!:)
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii! Domenica io seguirò identità naturali, quindi starò poco al desk di Phood... ma ci trovi in sala stampa, vieni a fare un salto che in qualche modo ci becchiamo :)

      Elimina
  6. mmmm, tu sei perfida... amo l'inverno, però una delle cose che più mi manca ora son proprio le melanzane... e tu me le presenti così??? piatto davvero interessante, dev'essere buonissimo! immagino già profumi e sapori...

    ps: non sei la sola a fare danni irreparabili in cucina per colpa di una minuscola distrazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di solito frutta e verdura fuori stagione non ne uso, ma quando ospiti di cui non conosco troppo bene i gusti sgarro. Potresti usarla come scusa pure tu, hihihi ^_^

      Elimina
  7. Mamma mia Alice, è meraviglioso!
    Le tue ricette sono sempre una più bella dell'altra!

    ...ma la besciamella con la pasta di mandorle? Ne vogliamo parlare?

    Vorrei un piattone di cotanta bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara ^_^
      Ormai sono diventata una fan maniaca della frutta secca, l'infilerei ovunque!

      Elimina
  8. ti capisco :( anch'io soffro di ansia da cena eh eh cerco di preparare con un po' di anticipo per evitare di stressare e stressarmi :)
    invitante il tuo pastitsio :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica è imparare dai propri errori e man mano aggiustare il tiro... piano piano ci sto riuscendo, ma che fatica ^_^

      Elimina
  9. questa besciamella la voglio proprio provare! certo che la tua cena greca deve aver dato molte soddisfazioni ai tuoi commensali! elaborata e gustosa, ma bravissima! :)
    sono sicura che farete un lavoro meraviglioso a Identità Golose: in bocca al lupo per questa esperienza magnifica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, speriamo bene! Ammetto che un po' di ansia c'è, ma credo anche che mi divertirò un sacco ^_^

      Elimina
  10. molto, si mi piace davvero molto, ci faccio un bel pensiero appena le melanzana lo meritano.

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'estate sarà ancora più buona... io ogni tanto baro, quell'una/due volte l'anno in cui ho ospiti di cui non conosco bene i gusti. Già ho rischiato di ammazzarli d'aglio, una doppio errore sarebbe stato imperdonabile :D

      Elimina
  11. wooooooooooow che delizia! complimenti, un bacio :)
    ps: ho realizzato un nuovo concorso "Fashion Food": in premio 100 euro di shopping! Ti aspetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, vengo a dare un'occhiata :)

      Elimina
  12. pure io come te preferisco le preparazioni in anticipo...troppa ansia per i piatti al momento, gomp.....
    questo ragù è da segnare però, decisamente interessante e diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio Bibi, non ti riconoscevo più... sono andata a vedere chi cavolo era 'sta Barbara, aahahah!
      /qualche giorno fa ho conosciuto Salvini. Credo di essermi innamorata, ecco ^_^

      Elimina
    2. io domenica inizio il corso alla sua Accademia, non vedo l'ora...capisco il tuo amore ^^
      Bibi (così non ti confondi) ^^

      Elimina
    3. Eh, lo sai che ti invidio... ora ancor di più! Persona splendida sotto tutti i punti di vista. E con degli occhi così limpidi, dolci ed umili che riesci a leggervi la bontà del suo cuore, senza parlare del suo entusiasmo... veramente, mi ha toccato profondamente, come chef ma soprattutto come persona.

      Elimina
  13. ho desiderato tanto quel libro...poi l'ho messo esplicitamente nella lista di natale e, ma tu guarda, è comparso magicamente sotto l'albero!
    devo ancora testarlo ma promette benone, visti i tuoi risultati ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, eh? Io sto tentando di farmi regalare quello in italiano visto che ho la versione inglese ma uff, nessuno recepisce il messaggio! Ma che devo fare??? :D

      Elimina
  14. Ciao Azabel,
    in occasione della Festa della Donna ho realizzato un countdown dedicato a tutte le lettrici del mio blog ed ho organizzato un concorso... Si può vincere un widget personalizzato!
    Trovi il countdown e il regolamento del concorso in questo mio post!

    Ciao,
    Iole

    RispondiElimina
  15. Anche io avevo intravisto su Pan per focaccia un ragù di frutta secca..e non l'avevo tenuto in debita considerazione!Ora ho copiato tutto con attenzione! Troppo bella questa tua ricetta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho impiegato qualche anno prima di decidermi a provarlo, rimandando per i grassi, le calorie, blablabla... e ora me ne pento amaramente, magari l'avessi provato a suo tempo :)

      Elimina
  16. Anche noi adottiamo la tua tecnica, quando abbiamo ospiti. Ben venga la "premeditazione", in questi casi! Sforni un capolavoro così (ma che meraviglia è?!) e poi ti rilassi con gli amici, meglio di così :-)...

    RispondiElimina
  17. Ho provato il ragù! Ma è da svenimento!!!!! Mangiato con un semplice piatto di pasta è una favola, ma messo sul pane per fare dei crostini....non saranno leggerissimi...ma di una bontà unica!
    grazie grazie grazie
    irene

    RispondiElimina