Ad Menu

Spaghetti aglio, olio e peperoncino... e pinoli, e uvetta: le mie spaghettate di mezzanotte

Spaghetti aglio, olio, peperoncino, pinoli e uvetta




Agosto per me è il tempo delle uscite con gli amici, degli aperitivi che si prolungano fino a tarda ora, dei concerti.  Dei weekend che finiscono sempre troppo in fretta, zeppi di eventi tra cui non si riesce a scegliere, delle giornate passate a bighellonare per casa.
Il tempo delle chiacchiere protratte fino a notte fonda anche durante i giorni lavorativi perché, in fondo, anche se non si è in ferie nell'aria se ne sente il profumo.
Ma è anche tempo di serate passate davanti al computer, con i vestitini da casa che fuori non metterei nemmeno se mi pagassero -ne ho persino uno rosso, rosso fuoco con i fiorellini bianchi, omioddio-, con i piedi scalzi che cambiano continuamente posizione per cercare un po' di refrigerio sul pavimento -si si, lo so che alcuni di voi si lamentano per il freddo ma no, non sono decisamente tipa da spiaggia/lago/piscina e per me fa ancora troppo caldo nonostante quest'estate me la stia godendo un sacco, olè.-, delle pulizie forsennate per rimediare all'assalto delle farfalline che, per la prima volta e nonostante tutte le misure del caso, si sono presentate più feroci che mai, della ristrutturazione -chiamiamola così, anche se il tutto si limita a scatoloni da riordinare, qualche lavoretto di idraulica, montaggio mobili e olio di gomito per dipingere- del mio nuovo studio.

Spessissimo mi capita di accorgermi che, ups, sono le 23 e non solo non ho ancora cenato ma non ho nemmeno pensato a cosa potrei cucinare.
O di tornare da un concerto o da uno degli aperitivi di cui sopra, con nello stomaco qualche mojito e un paio di patatine raminghe, la sveglia che suona tra poche ore, la consapevolezza di dover costringermi ad andare a nanna al più presto e la necessità di riempire lo stomaco.

Che ci sia qualcuno a farmi compagnia o meno, generalmente questo è quello che preparo: aglio, olio e peperoncino, uno dei grandi classici della cucina italiana ma con una piccola personalizzazione che lo rende inaspettato.
Alla fine si tratta di un piatto davvero semplice, veloce, per cui non serve fare la spesa perché gli ingredienti spesso si trovano già in casa, ma se fatto a modino dà sempre grandi soddisfazioni e permette di servire in quattro e quattr'otto qualcosa di interessante se per caso non si sta affrontando la spaghettata di mezzanotte in solitudine.

Le porzioni sono un filino abbondanti visto che il condimento non fa volume e che lo servo sempre come piatto unico.
Chiaramente gestite la quantità di peperoncino a piacere e, se non l'avete mai fatto, provate a seguire il procedimento così come l'ho scritto: il tempo di esecuzione risulterà forse più lungo di un minuto o due, ma vale davvero la pena perderli per risottare gli spaghetti in padella: l'amido dell'acqua di cottura renderà leggermente cremoso il condimento e farà la differenza tra un piatto buono e uno sublime, anche se, chiaramente, la qualità degli ingredienti di partenza è imprescindibile.

Io faccio una sola, piccola, ulteriore modifica: faccio colorire qualche scaglietta di aglio, al limite della bruciatura, quindi lo metto da parte e lo inserisco alla fine assieme al prezzemolo. Ma io in questo sono eretica, l'aglio bruciacchiato mi piace anche se secondo chi cucina perdavero nonono, non si fa.



Spaghetti aglio, olio, peperoncino, pinoli e uvetta

Se il tuo peperoncino è eccessivamente piccante diminuisci la quantità e/o elimina i semi e le cuticole interne, se invece hai un palato particolarmente resistente usane di più. 
Ingredienti per 2 porzioni:
  • 200 g di spaghetti
  • 20 g di pinoli
  • 1 spicchio d'aglio sbucciato
  • 1 peperoncino secco o fresco
  • 30 g di uvetta (meglio passolina, ma al limite anche della sultanina andrà bene)
  • 1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
Procedimento:
  1. Ammolla l'uvetta in un bicchiere di acqua tiepida.
  2. Metti sul fuoco una pentola con abbondante acqua e portala a bollore.
  3. Nel frattempo tosta i pinoli in padella, mescolando continuamente per uno o due minuti o finché inizieranno a dorare, quindi mettili da parte.
  4. Taglia l'aglio e il peperoncino a fettine sottili, mettili in padella con due cucchiai di olio, l'uvetta ben strizzata e accendi il fuoco. Scalda il tutto molto lentamente, senza soffriggere, in modo da far sprigionare all'aglio tutto il suo aroma.
  5. A questo punto l'acqua dovrebbe essere arrivata a ebollizione: salala e bolli gli spaghetti per metà del tempo indicato sulla confezione.
  6. Poco prima di scolare gli spaghetti preleva l'uvetta e l'aglio -ma non l'olio- e mettili da parte.
  7. Scola la pasta tenendo da parte l'acqua di cottura e versali nella padella.
  8. Finisci di cuocerli aggiungendo l'acqua di cottura tenuta da parte, uno o due mestoli per volta, come se stessi preparando un risotto. Alla fine gli spaghetti non dovranno rimanere troppo asciutti ma nemmeno brodosi, si deve formare una leggerissima crema.
  9. Poco prima che la pasta sia pronta aggiungi pinoli, aglio e uvetta, lascia insaporire qualche istante, quindi spegni il fuoco e aggiungi il prezzemolo.
  10. Servi immediatamente.




Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!