Ad Menu

La pita di Trizzi



Pita di Trizzi




Oggi la ricetta non doveva essere questa, diciamo che ho avuto qualche piiiccolo problemino con la melassa di melograno: una distrazione e zac! Carbonizzata.

Quindi oggi niente melograne, ne approfitto invece per sfoderare una ricetta salvavita -presente lo scenario? Domenica, il pane è finito e si hanno non più di due ore prima dell'arrivo degli ospiti- che ho usato e strausato: oltre ad essere relativamente rapida -e se avete un'impastatrice o una macchina del pane togliete pure il rapidamente e fate fare il lavoro sporco a lei,)-, è buonissima, insostituibile per accompagnare degnamente falafel, hummus e baba ghanoush e... divertentissima! Infatti la pita, cuocendo, in pochi minuti si gonfia enormemente fino a diventare un pallone... resto sempre a guardarla dallo sportello del forno, rimanendone ogni volta affascinata.

Per questa piccola meraviglia devo ringraziare Trizzi che ha pubblicato la ricetta ormai parecchio tempo fa sul forum di Gennarino.

Ora lo so, salterà fuori qualche commento sull'eccesso di lievito... ma sapete che vi dico? Per me è perfetta così e squadra che vince non si cambia ;) ma se voi volete diminuirlo non credo che la lievitazione ne risentirebbe visto che l'effetto pallone viene dato più che altro dall'alta temperatura nel forno.

For dummies:
Farina: nella ricetta ho indicato la marca specifica di farina per poter dare proporzioni precise tra questa e l'acqua: ovviamente potete utilizzare un altro tipo di manitoba -a proposito, la manitoba la trovate praticamente in ogni supermercato discretamente fornito, viene chiamata anche "farina d'america"- ed aggiustare di conseguenza la quantità di liquido.
Considerate poi che, anche se usate la manitoba indicata, la quantità d'acqua da utilizzare potrebbe variare leggermente in funzione del tempo o della partita, come in tutti i lievitati. Io ho cercato di essere il più precisa possibile, ma come sempre un minimo di pratica ci vuole ;)




    Pane pita
    Volendo è possibile cuocere le pite, una per volta, con il fornetto Ferrari: è necessario però farle un po' più piccole per evitare che gonfiando vadano a toccare la resistenza superiore, bruciando. Indicativamente, il fornetto va impostato su temperatura 2, 2 1/2.

    Ingredienti per 8 pani:

    • 375 gr di acqua tiepida
    • 5 gr di zucchero
    • 7 gr di lievito secco o 25 gr di lievito fresco
    • 530 gr di manitoba Spadoni
    • 1 cucchiaino raso di sale
    • 1 cucchiaino di olio extravergine d'oliva

    Sciogliere il lievito e lo zucchero nell'acqua tiepida e lasciar riposare una decina di minuti.

    Aggiungere metà della farina ed iniziare ad lavorare l'impasto.
    Dopo qualche minuto aggiungere la restante farina, il sale e l'olio ed impastare per una decina di minuti, anche a mano, fino ad ottenere una impasto liscio.

    Metterlo in una ciotola leggermente unta, coprire con pellicola da cucina e lasciar lievitare fino al raddoppio (indicativamente un'ora, un'ora e mezza).

    Dividere l'impasto in 8 palline e lasciarle riposare 15 minuti ben coperte, la superficie non si deve assolutamente seccare.

    Portare il forno a 250 gradi, mettendo una teglia (o pietra refrattaria) nel ripiano più basso in modo che si scaldi per bene.

    Infarinare leggermente le palline e stenderle in dischi di circa 20 cm di diametro, badando che sulla superficie non si formino crepe che impedirebbero al pane di gonfiare. E' preferibile stenderne un paio alla volta (o quelle che riescono a stare nella teglia) in modo da infornarle subito dopo che sono state formate, sempre per impedire che la superficie secchi aumentando il rischio che non si gonfino.

    Infornare sulla teglia bollente e cuocere per qualche minuto, finché il pane è gonfio come un pallone ma senza che si colori se non appena un po' lungo i bordi.

    Dopo qualche minuto fuori dal forno le pite si sgonfiano naturalmente, quindi possono essere aperte da un lato e farcite a piacere.
     

    Visualizza la versione stampabile della ricetta  

    Altre ricette di lievitati:
    Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



    18 commenti:

    1. ottimo, sempre adorato, e penso di riuscire a farlo anche ora, gluten free!
      ciao
      nina

      RispondiElimina
    2. Ciao! Ricetta! Meraviglioso, complimenti! Per il meraviglioso sito! Revenue'm tuo fan dal Brasile! Sua dedizione e amore, per eseguire le sue ricette, ho un dubbio che io possa fare questo, un'altra ricetta con la farina, per che qui nel Regno Unito non ha questo, vi ringrazio per l'attenzione, attendo la vostra risposta a questo dubbio!
      Caroliny!

      RispondiElimina
    3. olá!!receita!!maravilhosa,parabéns!!pelo maravilhoso site!!de receitas sou sua fã do brasil!!sua dedicação,e amor,em executar suas receitas ,possuo uma dúvida,posso fazer esta ,receita com outra farinha,por que aqui no br,não tem esta,muito obrigada por sua atenção,aguardo sua resposta para esta duvida!!
      caroliny!!!

      RispondiElimina
    4. mi ci devo cimentare in questi pani mi sembra una preparazione al mio livello di panificatrice ^_____^ ciauzzzzzzzz

      RispondiElimina
    5. Ciao,
      siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
      Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
      Se ti va puoi seguirci.
      A presto!
      Trattoria Trinacria
      http://trattoriatrinacria.blogspot.com

      RispondiElimina
    6. Bella, Aza. La farò e ti dirò.

      RispondiElimina
    7. mi piace un sacchissimo questo pane, lo mangio sempre quando mi capita di cenare all'indiano o quando riesco ad anadare dal mio indianino d'asporto di fiducia!

      questa ricetta mi pare davvero molto semplice...appena stampata!

      RispondiElimina
    8. Ma che buonooo ma che buonooo ma che buonooo!!

      Piacere di conoscerti:)

      Abbiamo un dolcetto anche noi per te :)
      www.whitedarkmilkchocolate.blogspot.com

      RispondiElimina
    9. assolutamente buonissimo, veramente piacere di conoscereil tuo blog.

      RispondiElimina
    10. Purtroppo ho ben presente la situazione!!!E in genere per questo motivo tengo sempre del pane in congelatore...ma a me fa schifo scongelaro...mi sa che adotto le tue pita!Devono essere portentose!!!

      RispondiElimina
    11. la pita è bellissima da fare e buonissima da mangiare..... ma metterci sopra una candelina???? auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii alice|!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      un bacio grande!
      b

      RispondiElimina
    12. Adoro la pita :) e la tua è venuta proprio bene! Io la faccio spessissimo, a casa mia è un must :)
      A presto!!
      J.

      RispondiElimina
    13. Ciao Alice, ho saputo da Stella che ci incontreremo per il Bioveganfest. Sarà un piacere!!
      un Sorriso...

      RispondiElimina
    14. @Caroliny, dovresti usare una farina molto forte (con tanto glutine). Penso che una bread flour possa andare bene, ma non ho mai usato farine inglesi.

      @Orsetta, piacere mio!

      @Babi, grassie :))

      RispondiElimina
    15. questa pita è perfetta per il mio kebab di seitan, miticaaaaaaaa :D

      RispondiElimina
    16. Oh yeaaah! Devo ancora riuscire a leggere il tuo post al riguardo -nel feed reader tengo i post con titoli interessanti per ultimi, da leggere con calma ;)- ma credo proprio sia perfetta ;)

      RispondiElimina
    17. Decisamente salvavita! la copiamo subito!

      RispondiElimina