Ad Menu

Tajine bil bruklu (rivisitata)

Tajine bil bruklu



Come molti, ero convinta che il termine "tajine" indicasse un piatto in terracotta tipico dei paesi nordafricani o, per estensione, i piatti in umido cotti nella stessa.

Ho scoperto invece che in Tunisia questo termine viene spesso utilizzato per indicare alcuni piatti a base di uova molto simili alle nostre frittate, ma cotte al forno -o forse in origine, ma questa è una mia supposizione, in una tajine. Se c'è qualche esperto di cucina tunisina si faccia avanti, così mi tolgo il dubbio ;)-.

Veggie Shop
Quella a cui mi sono ispirata è la tajine bil bruklu, una frittata a base di cavolfiori che contiene tra le altre cose uova sode tritate, abbondante prezzemolo, formaggio e harissa.

Di tutto questo rimane ben poco, ça va sans dire. Ma è buona. Buona tiepida, deliziosa fredda, si conserva tranquillamente per un paio di giorni e anzi, per me, dopo una notte di riposo il sapore ne giova notevolmente.

Il tofu utilizzato è quello silk ma compatto, più simile a quello che vi viene servito nei ristoranti cinesi. È facile reperirlo nelle botteghe etniche, sia fresco che -più difficile da trovare- in brick a lunga conservazione a marchio Mori-nu.
Se non lo trovate potete tentare con il kinugoshi che si trova nelle nostre botteghe bio. E' troppo gelatinoso e zeppo d'acqua, ma lasciando la confezione aperta per qualche ora tende a cacciare un po' d'acqua che potrà essere facilmente eliminata.
Vi consiglio anche di tentare di pressarlo: praticate dei forellini sul fondo della vaschetta, coprite il tofu con un pezzetto di carta forno, quindi un cartoncino ritagliato a misura (che servirà a distribuire meglio la pressione) e un piccolo peso sopra; lasciatelo riposare qualche ora in modo da strizzarlo un pochino, ma fate attenzione perché è veramente molto delicato.


Tajine bil bruklu rivisitata

Per questa ricetta è necessario il tofu silk più compatto, reperibile nelle botteghe etniche. Potete provare con il kinugoshi che si trova nelle botteghe bio italiane, ma sarà necessario pressarlo per far uscire una parte dell'acqua.
L'harissa e il pepe rendono questo piatto leggermente piccante: a voi regolarne l'intensità nel caso che le dosi indicate siano eccessive per il vostro palato.

Ingredienti per una teglia 20x20 o una padella da 24 cm di diametro che possa andare in forno:
  • 700 g cavolfiore pulito
  • 1 cipolla bionda piccola
  • 3 spicchi d'aglio
  • 300 g di tofu silk firm
  • 2/3 di cucchiaino di harissa (o un mix di peperoncino, aglio, cumino e coriandolo macinati)
  • 35 g di amido di mais
  • 1,5 cucchiaini (6 g) di lievito per dolci non aromatizzato (baking powder)
  • 2/3 di cucchiaino di curcuma
  • 2/3 di cucchiaino di cumino macinato
  • 1 cipolla rossa media
  • abbondante prezzemolo tritato (indicativamente 2/3 di cup)
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe
Procedimento:
  1. Cuocete a vapore il cavolfiore, finché sarà tenero. Saranno necessari circa 15 minuti. Lasciarlo raffreddare e schiacciarlo grossolanamente con una forchetta.
  2. Mentre il cavolfiore cuoce, riscaldate due cucchiai d'olio in una padella e saltateci la cipolla bionda tritata a fuoco medio per cinque minuti, finché sarà tenera e leggermente dorata.
  3. Aggiungete gli spicchi d'aglio spremuti o grattugiati e cuocete ancora per un minuto, quindi lasciate raffreddare.
  4. Inserite nel mixer il tofu ben sgocciolato, l'harissa, 30 g di olio extravergine, l'amido di mais, il lievito, curcuma e cumino. Condite con un'abbondante macinata di pepe e sale, quindi frullate fino a ottenere un composto liscio e omogeneo.
  5. Mescolate il composto a base di tofu con le cipolle, il cavolfiore e il prezzemolo, regolate il sale e mescolate bene.
  6. Ungete la teglia (o la padella) con un cucchiaio d'olio, trasferitevi il composto e livellatelo bene.
  7. Cospargete sulla superficie la cipolla rossa tagliata a fettine e un cucchiaio d'olio.
  8. Cuocete in forno a 180º per 30/40 minuti o finché la superficie risulterà ben dorata.
  9. Si può servire tiepida o a temperatura ambiente.


Fonte: Little Foods of the Mediterranean: 500 Fabulous Recipes for Antipasti, Tapas, Hors d'Oeuvre, Meze, and More



Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



12 commenti:

  1. Che ricettina appetitosa!!!

    RispondiElimina
  2. Ma dove le scovi certe idee?
    Questa ricetta è splendida, e mi mette fame anche ora!

    E la foto? ...ça va sans dire ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedilo al mio portafogli, dissanguato a causa di letture mangerecce di ogni tipo :D

      Elimina
  3. ...non so perché in preda ad un raptus ho comprato un sacco di tofu, proprio oggi pensavo a diverse soluzioni per smaltirlo: una l'ho trovata! cri

    RispondiElimina
  4. fantastica ricetta, non l'avevo mai sentita nominare....il tofu che dici tu lo compriamo dal mitico alimentare cinese, che quando ci vai sembra di andare al luna park, almeno a me :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure a me, pure a me! Tra l'altro qui ce n'è uno enorme, i 3/4 dei prodotti in vendita manco capisco cosa sono <3

      Elimina
  5. Io sono una di quelle convinta che il Tajine fosse la classica pentola in terracotta e il metodo di cottura, mi hai illuminato con questo post e questa ricetta mi piace molto!

    RispondiElimina
  6. foto mozzafiato per una ricetta fantastica ..buona notte simmy alla prossima ricetta!

    RispondiElimina
  7. oh my gosh! that looks soooooooooo divine!

    www.veganmiam.com

    RispondiElimina
  8. Ma daiiiiiiiiiiiiiiiiii.... anche io ero convinta dello stesso...! questo piatto è favoloso solo a guardalo anche per me che non amo particolarmente le uova... ne addenterei volentieri una forchettata! Credo che la proverò sono proprio curiosa!A presto LA

    RispondiElimina
  9. Bellissima e buonissima...Grazie per tutto il vostro lavoro a favore della causa veg...<3

    RispondiElimina