Ad Menu

Il salame di cioccolato “senza”… e una piccola novità!

Salame di cioccolato
Ladies and gentleman, signori e signore, fanciulli e pulzelle, sono lieta di annunciarvi una piccola novità: da oggi apre una nuova sezione su LeiWeb.it, il sito tutto al femminile di RCS Periodici.
E indovinate un po’ di cosa si parlerà??? Cucina vegan, of course!
Indovina indovinello, che c’azzecco io? Beh, direi che già dal nome –La cucina vegan di Azabel- c’azzecco eccome, ecco ;)
La ricetta del salame di cioccolato “senza” (come sempre, senza uova e latticini… nonnnno, manco la margarina c’è… e che bontà! Come sempre, ci tengo a ringraziare la fonte, Cat, che pubblicò la ricetta da cui sono partita sul forum di Gennarino) che segue è la prima della serie e la trovate anche qui.
Spero vogliate seguirmi numerosi in questa nuova avventura!




Salame di cioccolato

Ingredienti per un salame di cioccolato da 6/8 porzioni:

  • 90 gr di latte vegetale al naturale, non zuccherato
  • 150 gr di cioccolato fondente al 50%, percentuale da non superare per non ottenere un risultato troppo amaro
  • 20 gr di rum bianco (o altrettanto di latte)
  • 40 gr di olio di riso o di mais
  • 120 gr di biscotti secchi
  • 80 gr di nocciole tostate, tritate grossolanamente
  • zucchero a velo per decorare
Procedimento:
Spezzettare il cioccolato nel latte, quindi riscaldare il tutto a fuoco molto dolce finché il cioccolato non risulta sciolto; è importante far attenzione a non superare i 50° per evitare che quest’ultimo si rovini.

Unire l’olio (ed eventualmente il rum) sbattendo con una frusta o una forchetta, finché il tutto non risulta perfettamente omogeneo.

Spezzettare i biscotti: il modo più semplice e funzionale, secondo me, è quello di metterli in un sacchetto per alimenti e romperli utilizzando il manico di un coltello da cucina come fosse un martello; in questo modo in parte si polverizzeranno ma rimarranno comunque dei pezzi abbastanza grossi.

Unire al cioccolato i biscotti spezzettati e le nocciole tritate grossolanamente. Il composto risulterà abbastanza liquido ma non vi preoccupate, una volta freddo il cioccolato farà presa ;)

Una volta che il composto ha raggiunto la temperatura ambiente è possibile formare il salame.
Metterlo in frigo e, al momento di servire, rotolarlo per bene nello zucchero a velo.
Un’idea molto simpatica, come potete vedere nella foto, è quella di simulare la retina del salame utilizzando un tubolare sterile per fasciature ; )

La marchetta è finita, andate in pace ;)
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



24 commenti:

  1. Sono sparita perché sto cercando di scrivere le ultime pagine della mia tesi di dottorato (yayyyyyy!!!!). Però una novità così grande e bella non potevo non commentarla!!
    Complimenti, bravissima, certo che ti seguiremo ANCHE lì;))

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la novità! Buono il salamotto! Proverò a metterlo nella rete per arrosti... :)

    RispondiElimina
  3. Ma tu guarda cosa combina la mia Azabellina preferita!
    In bocca al lupissimo per la nuova esperienza.
    smack

    RispondiElimina
  4. il salame è super goloso!!! E complimenti per questa nuova avventura... verrò a trovarti di sicuro!

    RispondiElimina
  5. il salame è super goloso!!! E complimenti per questa nuova avventura... verrò a trovarti di sicuro!

    RispondiElimina
  6. Wow, che bella soddisfazione! Complimenti bellissima...e il salame è meraviglioso...

    RispondiElimina
  7. Mi fa tanta gola stò salame!!! Avercelo sotto mano!
    Ti seguirò anche in questa nuova esperienza!!!
    Un abbraccio ;)

    RispondiElimina
  8. uuhhh ma che bello in quella retina!

    RispondiElimina
  9. In bocca al lupo per questa nuova avventura...

    RispondiElimina
  10. @Kos, in bocca al luppolo per la tesi!!

    @Pucci, verrebbe sicuramente ancora più bello! :D

    @Cinziettina graaazie :)))

    @Cucchiaio, ti aspetto ;)

    @Mika, più che bello è buono, per fortuna!!! :P

    @Spighetta, caspita, ma ho già trovato un tuo commento di là! Sei una scheggia!

    @Perla, grazie... però non è merito mio, era un'idea uscita sul forum di Gennarino ;)

    @Vera, :*

    RispondiElimina
  11. Complimentissimi!!!! Non sapevo nemmeno che esisteva questo magazine, ora lo leggerò di sicuro!!! :D

    RispondiElimina
  12. Uahu! Complimenti Azabel! Ma d'altronde la tua cucina è ottima e le tue foto bellissime :))
    ps. ho utilizzato la tua pastella di mais, paprika e pepe per farci la zucca, è ottima e sa (udite udite) di patata dolce :P

    RispondiElimina
  13. Brava Azabel! In bocca al lupo ;)

    RispondiElimina
  14. ...che poi, lo dicevo già da tempo che il tuo è uno dei migliori blog di cucina vegan, hanno fatto decisamente un'ottima scelta! Inoltre sono tutta orgogliosa perché in questo modo i vegan vengono rappresentati benissimo, cosa che purtroppo non capita così spesso.

    Proporrei a tutti di scrivere una riga alla redazione ringraziando dell'intelligenza nell'introdurre l'argomento della cucina vegan e per aver scelto Azabel che rappresenta benissimo la categoria. La mail è redazione@leiweb.it
    Secondo me è sempre importante segnalare quando si gradisce una scelta editoriale :)

    (sorry per il secondo messaggio, il primo l'ho scritto in balia dell'influenza, era forzatamente breve)

    RispondiElimina
  15. Di nuovo, grazie a tutti!

    @Grazia (ho scoperto solo ora che ti chiami così!!! non so perchè ma la tua mail alla redazione mi è arrivata in copia, e non sai quanto mi ha fatto piacere!)
    Quello che scrivi è forse il motivo più grande per cui ho accettato la proposta, visto la mia assoluta e perenne mancanza di tempo... cucina vegan su un sito tutto femminile e scicche dove parlano di moda e cose fighette, con un pubblico diverso da quello "di settore" a cui siamo abituati... ma vuoi mettere? Forse non cambierà il mondo, ma mi sembra un altro piccolo passo in avanti per mostrare al mondo che vegan... si può! ;)

    RispondiElimina
  16. Eh....quando uno è bravo primo o poi qualcuno se ne accorge!!!!Per fortuna qualche volta è anche una questione di meritocrazia!!!
    BRAVA AZABEL!!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  17. davvero?? l'ho mandata solo a loro... magari te l'hanno girata? (rossa-pomodoro)
    Sì secondo me questi interventi fuori contesto prettamente vegan sono importantissimi perché potrebbero essere la 'scintilla' per qualcuno o anche solo l'apri-pista per tanto altro. E' sicuramente un passo importante, contando che ormai il web è più autorevole della carta :)

    RispondiElimina
  18. @Valentina, grazie :))

    @Grazia, nin zo, la "I" dell'inoltro non c'era ma credo proprio di si... ripeto, non so dirti quanto mi ha fatto piacere!

    RispondiElimina
  19. l'ho provato e.. che dire.. buonissimo!! Non ho mai amato particolarmente il salame di cioccolato ma questo è proprio buono buono e senza tante schifezze!
    complimenti!

    RispondiElimina
  20. xcesca, non sei la prima a dirlo... quando lo porto da amici (per il dopo pizza è comodo comodo e rapido rapido) quando dico che porto del salame al cioccolato ricevo sempre commenti tiepidini; poi, al primo assaggio, è comicissimo vedere le facce colme di stupore ;)

    RispondiElimina
  21. Ciao!! Grazie per la bellissima ricetta che mi hai fatto scoprire! Certo non light ma almeno è un bel risparmio di zucchero e grassi aggiunti (io ahimè sono onnivora, ma molto attenta a limitare il più possibile gli alimenti di origine animale!)
    Questa è la prova che il più delle volte si possono ricreare le stesse cose con molte meno "schifezze" dentro!
    Ho "scopiazzato" la tua ricetta sul mio blog, logicamente citando l'autorevole fonte!! ciao e grazie!

    RispondiElimina