Ad Menu

Orzo alla caponata di carciofi

Orzo con caponata di carciofi



Se c'è una cosa odiosa nei carciofi è l'imbarazzante quantità di rifiuto umido che riescono a produrre. Lo ammetto, nonostante su La cucina a impatto (quasi) zero siano presenti diverse ricette per utilizzare gli scarti di questa verdura son troppo pigra e mi ritrovo a buttare tutto. Non posso nemmeno giustificarmi con la produzione di compost casalingo: non essendo balconemunita mi limito a far esplodere il cestino dell'umido.
Per questo non li compro molto spesso... ma quando lo faccio, si parla sempre di quantità industriali e ormai le eccezioni sono quasi solo due: i miei amati carciofini sott'olio a cui dedico un'intera giornata ogni anno -di solito si parla di 10 o 20 kg di carciofini, mica ciufoli- e la caponata di carciofi di Cinzietta.
Veggie Shop
Quest'anno l'ho proposta anche da Veggie Shop, l'abbiamo utilizzata come condimento per un'orzo buonissimo ma credetemi: pane buono, scarpetta, e vi farete fuori 15 carciofi in men che non si dica; è difficile -se non impossibile- fermarsi finché non si è ripulito tutto il piatto.
Non vi consiglio di ridurre le dosi proprio per questo, al limite preparate meno orzo -difficile vi servano queste quantità, sfamano tranquillamente per 12-15 persone- ma se dovesse accadere Cinzietta dice che è tranquillamente congelabile... ma secondo la mia esperienza non serve, tanto non avanza MAI. Ricordatevi solo di preparare anche il pane, e che il giorno dopo è mille volte più buona ;)



Orzo alla caponata di carciofi

Le dosi indicate sono per 12-15 persone, ovviamente potete ridurre ma vi consiglio di preparare la dose intera di caponata e di servirla nei giorni seguenti, accompagnata semplicemente da un filone di pane.
Ingredienti per 12/15 porzioni:
  • 15 carciofi
  • 1 cuore di sedano
  • 4 cipolle
  • 400 g circa di concentrato di pomodoro (potrebbe servirne un po' meno a seconda delle dimensioni dei carciofi)
  • 1 tazzina di aceto
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 300 g di olive verdi snocciolate
  • 1 kg di orzo (perlato, decorticato o mondo, scegliete quello che preferite)
  • farina
  • sale
  • pepe nero
  • olio extravergine d'oliva
Procedimento:
  1. Preparate una grossa bacinella piena d'acqua, in cui avrete sciolto due grosse manciate di farina.
  2. Pulite i carciofi eliminando le foglie più dure e le spine interne. Tagliateli a fettine e man mano che sono pronti metteteli in ammollo nella bacinella piena d'acqua e farina.
  3. Una volta che i carciofi sono tutti pronti, stufateli in padella con due cucchiai d'olio e un goccio d'acqua e un pizzico di sale, finché saranno teneri.
  4. Pulite il sedano e tagliatelo a fettine. Sbollentatelo per qualche minuto in acqua bollente salata, lasciandolo croccante.
  5. Affettate le cipolle finemente e fatele stufare in due cucchiai d'olio. Aggiungete il concentrato di pomodoro allungato con mezzo bicchiere d'acqua, il sedano, l'aceto e lo zucchero. Fate sobbollire un paio di minuti e regolate sale e pepe.
  6. Spegnete il fuoco e aggiungete le olive, mescolate e infine aggiungete i carciofi mescolando con dolcezza per non romperli.
  7. Lasciate riposare la caponata per qualche ora, l'ideale sarebbe consumarla il giorno seguente.
  8. Lessate l'orzo in abbondante acqua salata, facendo riferimento alle tempistiche indicate sulla confezione.
  9. Scolatelo e conditelo con la caponata di carciofi.
  10. Si può servire caldo, tiepido o a temperatura ambiente.




Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



25 commenti:

  1. Oh sì, questo è il piatto che fa per me!
    Ma quindi solo concentrato e non passata di pomodoro...interessante!
    Mamma mia, mi mette fame anche ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ero dimenticata di risponderti, scusa -.-
      Si può usare anche la passata di pomodoro, ma anche i pelati frullati, anche Cinzia la indica... però secondo me in quel caso va cotta a lungo (o almeno a me piace così) :)

      Elimina
  2. Scusa Azabel, a cosa serve mettere a bagno i carciofi in (tanta)acqua e (poca) farina? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a non farli annerire, ha la stessa funzione dell'ammollo in acqua e limone ma non lascia retrogusti :)

      Elimina
  3. Questo orzo mi piace già, senza averlo assaggiato. Anch'io però ho la stessa curiosità di Roberta, per quale ragione i carciofi si mettono in acqua e farina? Di solito io li metto a bagno sono con l'acqua. Buona giornata
    Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come detto sopra serve a non farli annerire, ha la stessa funzione dell'ammollo in acqua e limone ma non lascia retrogusti. Con acqua e basta funziona molto meno :)

      Elimina
  4. mmmhhh ottimo, ho giusto una cassettona di carciofi da affrontare! :P ma secondo te con il farro al posto dell'orzo? Orzo finito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh beh, credo proprio di si :)
      Secondo me è da sturbo pure con la pasta

      Elimina
  5. Che buona ricetta: caponataaa...che acquolina!
    Geniale quella della farina nell'acqua. Tante volte ho fatto i salti mortali in velocità per non fare annerire i carciofi, vuoi che non avevo limoni in casa o che non avessi voglia di sentire il retrogusto di limone, come in un bel piatto di carciofi e patate... mo' me lo segno.
    Ciao Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre a non lasciare retrogusti trovo che la farina sia anche più economica, mica male :)

      Elimina
  6. Wow! Questo sembra davvero un piatto da leccare fino a renderlo splendente!
    Io quando pulisto i carciofi sono assalita dal senso di colpa e per questo a volte me li ritrovo nel piatto un po' duretti per aver scartato troppo poco.. hehe
    Una domanda: per concentrato di pomodoro intendi quello nel tubetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, lo vendono in tubetto mentre la confezione più grande -che in questo caso conviene- è in barattolo. Puoi usare il doppio o anche triplo concentrato

      Elimina
  7. grazie cara, allora provo con il farro ^_^

    RispondiElimina
  8. Dev'essere buonissimo! Ho una domanda da super pigra: si potrebbe fare anche con i cuori di carciofo surgelati? Lo so che il gusto non è proprio lo stesso, ma i carciofi sono la verdura che odio di più pulire:)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sei già risposta da sola ^_^
      Ovviamente c'è surgelato e surgelato, se riesci a trovarli buoni...
      Ma da te non vendono i carciofi già puliti? Qui è una cosa che si usa, anche se non sono mai puliti bene a fondo il grosso del lavoro è già stato fatto e immagino siano meglio questi di quelli surgelati :)

      Elimina
  9. davvero una bella ricetta, molto primaverile! me la segno, e magari la provo anche con altri cereali (Benna, ahimè, l'orzo non lo gradisce!). Un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. bello il tuo blog, mi unisco ai tuoi lettori!
    passa a trovarmi se hai piacere:
    www.dolcementeinventando.com

    RispondiElimina
  11. Questo blog è meraviglioso!
    Enne

    RispondiElimina
  12. Quello degli scarti è un problema spinoso tanto quanto i carciofi :-). Purtroppo a Genova non abbiamo la raccolta differenziata per i rifiuti da compostaggio, cosa che invece è giustamente diffusa in altre città. Anche noi privi di giardini e balconi, non ci resta che attendere speranzosi... Comunque la ricetta è da urlo!

    RispondiElimina
  13. mmmm...adoro i carciofi...questa ricetta la segno tra le preferite!

    RispondiElimina
  14. Chi ha detto che i vegetariani non possono mangiare piatti squisiti,questa ricetta dimostra che se può mangiare sano senza rinunciare al sapore.Ottima ricetta.

    RispondiElimina