Ad Menu

Budino di miglio senza niente

Torta di miglio e mele senza zucchero, burro e uova



Eccomi, finalmente questo mese riesco a partecipare anch'io!
Ormai salutiamoci lo conoscete bene... ma se avete bisogno di rinfrescarvi la memoria potete sempre dare un'occhiata al blog di Salutiamoci o da Architettarte, l'ospite di questo mese.



Ho deciso di fare un dolce perché, lo ammetto, sono un po' il mio tallone d'Achille: ho ancora qualche difficoltà con il sugar-free, e se c'è uno scopo dietro a Salutiamoci -oltre a quello, chiaramente, di imparare a mangiare meglio e in modo più consapevole- è proprio quello di sfidare sé stessi a cambiare abitudini e imparare a padroneggiare gli alimenti consentiti sfruttandoli al meglio, uscendo dalla propria area di comfort data dalle abitudini.
Per lo stesso motivo ho voluto evitare il glutine, di qui il nome visto che se avessi voluto scriverlo per esteso sarebbe stato un budino senza uova-burro-lattosio-zucchero-glutine, me par un po' massa ;-)

Mi sono rifatta quindi alle torte e ai budini di riso: ne esce un dolce delicato che sa di casa -benedette siano le mele che trasformano qualunque dolce in un vero e proprio comfort food-, dolce il giusto per l'uso di abbondante succo di mela concentrato e dell'uvetta.
Avrei osato anche un goccino di marsala che con il trittico mele-pinoli-uvetta sta d'incanto ma ho preferito evitare anche se in cottura l'alcool evapora completamente: la prossima volta lo aggiungerò eccome.
Nonostante sia un budino fatto di niente (seeee, vabbé, non è vero e lo sapete pure voi) a me e a Mr D. è piaciuto parecchio servito appena tiepido con una semplice purea di mele cotte alla cannella, voi fatemi sapere :)



Budino di miglio e mele senza zucchero


Ingredienti per 2 stampi da 12x20 cm:
  • 200 g di miglio
  • 700 g di latte di soia non aromatizzato
  • 1 limone
  • 30 g di amido di mais (o fecola di patate)
  • 100 g spremuta d'arancia
  • 100 g uvetta
  • 200 g succo di mela concentrato
  • 200 g mele pelate e detorsolate
  • 100 g pinoli tostati
  • sale marino integrale
Procedimento:
  1. Sciacquate il miglio e scolatelo bene.
  2. Riunite in una pentola il miglio con 300 g di latte di soia, 300 g di acqua, un pizzico di sale e la scorza di limone privata dell'albedo.
  3. Coprite con un coperchio e portate a bollore.
  4. Cuocete per 25 minuti a fuoco bassissimo, sempre con il coperchio.
  5. Lasciate riposare il miglio coperto per un'ora.
  6. Portate il forno a 180º.
  7. Tagliate le mele a cubetti.
  8. Versate 30 g di succo di mela sul fondo di ciascuno dei due stampi e cospargeteli con un paio di cucchiai di pinoli presi dal totale.
  9. Sgranate il miglio con una forchetta e aggiungetevi l'amido di mais, quindi i rimanenti 400 g di latte di soia, 100 g di succo di mela, la spremuta d'arancia, l'uvetta, le mele tagliate a cubetti, i pinoli e mescolate bene.
  10. Versate il composto nei due stampi e livellatelo.
  11. Sigillate gli stampi con un foglio di alluminio e infornateli per circa 60 minuti.
  12. Togliete il foglio di alluminio e proseguite la cottura per altri 20/30 minuti o finché la superficie del dolce sarà rassodata. L'interno sarà ancora morbido, ma si assesterà raffreddando.
  13. Lasciate raffreddare completamente i budini prima di sformarli: passate la lama di un coltello su tutto il perimetro, quindi rovesciateli su un piatto da portata.




Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



14 commenti:

  1. mi spiace per l'insonnia, ma, se il risultato è questo, aveva ben ragione d'essere! ;-)
    ti adoro <3

    RispondiElimina
  2. che meraviglia, spero che sia finalmente la formula per far mangiare il miglio a tu-sai-chi! :o) di sicuro se avanza, io non mi faccio problemi a finirli!
    ma, sbaglio, o siete in periodo di puré di mele alla cannella? (se io oso fare mele cotte due sere di seguito, mi chiede se sto facendo le prove tecniche per l'ospizio!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con il mio tu-sai-chi ha funzionato, non si sa mai :D
      Noi siamo sempre in periodo puré di mela. Anzi, in periodo applesauce come dice Roberta qui sotto. O meglio lo saremmo sempre se mi ricordassi più spesso di quant'è buona :D

      Elimina
  3. Brava. La ricetta sembra golosissima anche senza zucchero.
    Copierò copierò...
    (p.s. erbaviola: da me il purè di mele - alla vaniglia - sta andando alla grande... devo dire che chiamarlo 'applesauce' fa molta più scena!)
    Roberta

    RispondiElimina
  4. Deve essere super!!! Ciao Federica

    RispondiElimina
  5. Ecco la tua versione dolce la proverò, visto che l'ho girato in ogni modo!!!

    RispondiElimina
  6. Hai fatto proprio bene a "sfidarti"...un bellissimo risultato!
    Mi piace tanto la foto, ha un'atmosfera così calda. :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Azabel... ottima ricetta!! e io che sto cucinando quasi ogni giorno miglio :)

    RispondiElimina
  8. sei stata bravissima... io non saprei da che parte iniziare mentre il tuo risultato mi pare eccellente!
    buona serata
    ficoeuva

    RispondiElimina
  9. Sembra buonissimo! Mi piace anche la foto, complimenti!

    RispondiElimina
  10. non sono una vegan ma la vostra cucina mi incuriosisce molto....a presto simmy

    RispondiElimina
  11. Una ricetta molto originale ;cerco sempre ricette come queste per variare la mia alimentazione dato che sono vegana e mi piace mangiare sano e naturale.Baci

    RispondiElimina