Ad Menu

Salutiamoci: Farinata con tofu, fave e erba madre

Farinata con tofu, fave ed erba madre




Ormai il contest Salutiamoci, mangiare bene per stare bene lo conoscete tutti, no?
Niente premi, niente sponsor, solo un ingrediente di stagione, una tabella da seguire ed una meravigliosa raccolta di ricette sane che cresce di giorno in giorno e da cui attingere a piene mani.

Se per caso ancora non ne avete ancora sentito parlare trovate tutte le spiegazioni da Stella, prima ospite nonché una delle organizzatrici insieme a Brii, Cobrizo e Lo.
In sostanza si tratta di cucinare qualcosa di buono, sano e di stagione, utilizzando una serie di alimenti consigliati dall'istituto dei Tumori di Milano ed evitandone accuratamente altri. Ok, noi vegan siamo un tantino facilitati visto che tantissimi degli ingredienti vietati non entrano nelle nostre cucine, ma credo sia comunque una bellissima sfida e un'occasione per imparare a porre più attenzione a quello che mettiamo nel piatto.

In questa ricetta ho usato l'erba madre o chrysanthemum parthenium. Probabile che si trovi anche nei vostri giardini e che la conosciate come erba mare, matricale, partenio, amareggiola, maresina o erba di San Pietro, erba amara (Sara, nei commenti, mi dice che erba di S. Pietro ed erba amara sono un'altra cosa... ma va benissimo lo stesso per questa farinata). Si tratta di un'erba fortemente aromatica ed amarognola, qui a Verona si usa principalmente in frittata o in versione dolce nelle frittelle o nella torta con l'erba madre.
Se non la trovate potete sempre usare della rucola, magari selvatica. Non sarà la stessa cosa ma risulterà un piatto ugualmente gradevole :-)

Ultima cosina: qualche giorno fa è uscito Ricette per bene, altro bellissimo frutto della collaborazione in rete. Potete acquistarlo in formato digitale sul sito dell'editore, qui invece trovate qualche istruzione se non siete proprio pratici di e-book ;-). I proventi netti saranno devoluti interamente a Diamo una mano, l’iniziativa del quotidiano di Genova Il Secolo XIX con il Banco di San Giorgio. Vi ricordo anche i-Kitchen, i cui proventi andranno alla Casa Famiglia Gulliver di Rocchetta Vara.

/Chiaramente le zampette nella foto non sono le mie, eh? Si ringraziano Mr D. e la sua chincaglieria per la partecipazione :-)




Farinata con tofu, fave e erba madre

Ingredienti per 4 porzioni:
  • 150 gr farina di ceci
  • 300 gr di fave, senza baccello ma con la buccia (circa 1300 gr lordi)
  • 250 gr di tofu
  • 1 piccola cipolla
  • una manciata di erba madre (chrysanthemum parthenium)
  • olio extravergine
  • sale marino integrale
  • pepe

Mettere in una ciotola la farina di ceci con mezzo cucchiaino di sale ed aggiungere 250 gr di acqua utilizzando una frusta, badando di non formare grumi. 
Se possibile far riposare la pastella per 24 ore, in caso contrario considerare almeno un paio d'ore di riposo.

Sbollentare le fave per un minuto in acqua bollente salata, raffreddarle rapidamente in acqua fredda ed eliminare la seconda buccia.

Sbriciolare finemente il tofu schiacciandolo tra le dita.

Far sudare la cipolla con un pizzico di sale ed un cucchiaio o due di olio finché diventa trasparente e tenerissima. Una volta fredda, unirla alla pastella di farina di ceci.
Aggiungere il tofu, l'erba madre tritata, le fave, una bella macinata di pepe nero e regolare il sale.

Versare un filo d'olio in una padella di ferro e scaldarlo per bene.
Versare il composto nella padella e livellarlo per bene con il dorso di un cucchiaio. 
Cuocere coperto, a fuoco medio/basso, finché anche la superficie inizia a rassodare.  
Voltare la farinata aiutandosi con un piatto, cuocerla ancora un paio di minuti e servirla ben calda.  
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



41 commenti:

  1. Alice è favolosa!!!!Ora devo cercare l'erba madre però, mi tocca bvenire a Verona?!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, si, ti tocca venire a trovarmi :))
      /spedirei volentieri, ma con una piantina non saprei proprio come fare

      Elimina
  2. Ho finito adesso adesso di fare le lenticchie al pomodoro prese in Umbria, una valanga di verdure al vapore, la risina di spello al pesto (ma vegan), il minestrone, mettere le cicerchie a bagno, tagliare i finocchi fini fini fini... Me la merito un pezzetto di questa farinata? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, venghi, venghi! Pure il pesto vegan m'hai fatto? Va che stai imboccando una strada pericolosa ^_^

      Elimina
  3. Grande la ricetta e carinissimo il libro! (e io quelle mani metal le conosco XD ) ciao!

    RispondiElimina
  4. Alice... meraviglia! che aggiungere? graZZZie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi magnifiche quattro :)))

      Elimina
  5. questo piatto e' una meraviglia per i veg!
    io li adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, si si, pure io adoro i veg :P
      :)))

      Elimina
  6. che ricetta invitante!! ma...perdona l'ignoranza, dove trovo l'erba madre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cresce spontanea anche se non ti saprei dire dove andare a cercare. Cercando bene qui si trova anche in vaso, io l'ho messa sul davanzale. Te ne manderei volentieri una piantina se fosse possibile, ma non sopravvivrebbe al viaggio :(

      Elimina
  7. Alice che bella!!!
    l'ultima volta che ho mangiato l'erba madre era sotto forma di frittata con le uova!!! mi piaceva tanto quel saporino particolare, anche se la frittata in sé non mi piaceva (già da ragazzina si vedeva...) se non bruciata da non far riconoscere l'uovo!!!
    questa qui invece sì che me la mangerei di gusto!!!
    carine le mani nella foto: fa molto "piccioncini"... bellini!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, anche da te si usa? Di dove sei che non mi ricordo?

      Elimina
  8. e ti ho trovato prima io! :-) beh si i vegan sono avvantaggiati, però vi voglio vedere coi dolci ;-)
    adesso devo cercare questa erba in google, che non so che erba sia, mi manca...
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, non nominare i dolci che non ne ho proprio idea... farò tuuuuuuutte cose salate, così ti frego, tiè :P

      Elimina
  9. Non la conosco questa erba! nella farinata le erbe amarognole stanno davvero bene, ma in casa piace solo a me!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è proprio aromatica, ma temo che in Cina sia un po' difficile trovarla... o forse no, in effetti è proprio un'erbaccia con dei fiori simili alla camomilla e qualche varietà cresce pure da voi, chissà!

      Elimina
  10. Dev'essere squisita!anche io non conosco quest'erba ahimè, c'è sempre da imparare!

    RispondiElimina
  11. Ciao, bellissima idea. Proverò senz'altro questa variante della farinata.
    Unica cosa che volevo specificare, il partenio, o erba madre è una cosa, mentre erba di san pietro ( o erba amara), è un altro tipo di erba. Anche quest'ultima è ottima per frittate e dolci.

    Ciao
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, grazie! Aggiorno il post :)

      Elimina
  12. mmmm, in versione con la rucola la proverò prestissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se ti è piaciuta :)

      Elimina
  13. bellissima iniziativa. Ce la metto tutta per partecipare :)

    Bravissime tutte voi ragazze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le bravissime sono Lo, Stella, Brii e Cobrizo che si sono sbattute tanto... dai Sandra, devi devi devi partecipare! :))

      Elimina
  14. Bella e buona...lo si vede proprio! :-)

    RispondiElimina
  15. Ciao!
    Aspetto con ansia l'uscita in formato per il kindle di Ricette per bene.
    Proverò la tua farinata... io di solito però la cuocio in forno, dici che anche quella classica posso provare a cuocerla in padella?

    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi farlo, anche se viene una cosa proprio diversa. Buona, ma diversa, tutto qui :)

      Elimina
  16. Risposte
    1. Nicole, non farmi venire voglieeeee! Cribbio, come vorrei un bel panozzo ora :D

      Elimina
  17. che bella...arricchire così la farinata rendendola unica e preziosa...grazie per aver partecipato a salutiamoci :)

    RispondiElimina
  18. concordo con la Nico....nel panino!! con la maionese, e magari un pomodorino bello maturo.....
    bbona la tua frittata :)

    Salutiamoci non l'ho ancora guardato bene, nei prossimi giorni passo a vedere, grazie :)

    RispondiElimina
  19. Dai Bibi, partecipa anche tu! :)))

    RispondiElimina
  20. Veramente buona e particolare questa farinata, io l'ho provata semplice con il rosmarino ma così tutta primaverile è ancor più invitante :)
    Salutiamoci...per ora ^__^

    RispondiElimina
  21. che bella che è venuta!
    sicuramente un ottimo modo di partecipare a questo contest! complimenti!

    RispondiElimina
  22. Splendida ma quell'erbetta cercando in rete sembra prezzemolo e a dire il vero quì nei prati di casa, dove mi nasce il prezzemolo in modo spontaneo, c'e anche un erbetta che gli somiglia ma quando la cogli ti rendi conto che non è prezzemolo! Possibile che sia l'erbetta di cui parli tu???? Devo chiedere ad Annalisa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, gli assomiglia in modo troppo vago per essere confusa con il prezzemolo... occhio che non sia cicuta, quella si che gli somiglia quando è giovane ma è velenosissima! Comunque l'erba di cui parlo io fa dei fiori che somigliano vagamente alla camomilla ed ha un odore abbastanza caratteristico. Mi raccomando, chiedi a qualcuno di esperto prima di raccoglierla ed usarla, meglio non fare danni :)

      Elimina
  23. W le farifrittate! L'erba madre non l'abbiamo mai provata, è davvero un ottimo spunto. Grazie del suggerimento e complimenti per la ricetta, semplice e da leccarsi i baffi.

    RispondiElimina
  24. toc toc....volevo dirti che da Stella è pronto il pdf del Salutiamoci di maggio: fave e piselli. Sei pronta ora per partecipare a giugno? Ti aspettiamo :)

    RispondiElimina