Ad Menu

Risolatte al cocco con pere allo sciroppo

Risolatte al cocco e pere allo sciroppoBuongiorno! Che dite, siete pronti ad affrontare il nuovo anno o ancora semiintontiti sotto le coperte a smaltire la sbronza e l'enorme quantità di cibo ingurgitata in questi giorni? ; )

Vi lascio un dolcetto semplicissimo. Quasi light se non fosse per quel po' di latte di cocco e quel cicin di zucchero. L'ideale insomma dopo i bagordi dei giorni scorsi, se si ha voglia di dolce ma... proprio non ci sta!

A me il risolatte piace... come idea. In realtà non mi è mai riuscito cremoso, si è sempre impaccato... per carità, sarò io che non sono capace di farlo ma poi mah, quel gusto di latte cotto non è che mi sconfinferi proprio. Con il latte di cocco ho risolto, viene bello cremosino e dal sapore delicato!

Ne approfitto anche per farvi i miei auguri... da alcuni sono riuscita a passare, ma non da tutti quelli che avrei voluto... spero possiate perdonarmi.
Che questo anno possa essere sereno. Sperem! ;)

PS: mi sono trovata in crisi con i tag: le pere -quelle piccine picciò- io le trovo ancora dalla mia spaccina di fiducia, non che maturino ora ma ci sono, italiane e bio... ma che stagione/i avrannno mai??? Avanti, c'è nessuno che mi sa aiutare? Grassieee :))  Deciso: va bene per tutte le stagioni... tanto qualche varità di pera bene o male c'è sempre, no? ; )





Risolatte al cocco con pere allo sciroppo
Ingredienti per 4/5 porzioni:

Per le pere allo sciroppo:
  • 4 o 5 pere piccoline, tipo Santa Lucia  o coscia per intenderci
  • 200 gr di zucchero 
  • un quarto di cucchiaino di vaniglia burbon in polvere
  • 50 gr di succo di limone
  • zeste di un limone
  • 1 litro di acqua
Per il risolatte:
  • 100 gr di riso originario
  • 200 gr di latte di cocco
  • 300 gr di acqua
  • un pezzo lungo 2 cm di stecca di cannella
Procedimento:

Per le pere allo sciroppo: mettere in pentola zucchero, acqua, cannella, succo e zeste di limone e vaniglia, mettere sul fuoco e portare a ebollizione.

Sbucciare le pere lasciando il picciolo ed immergerle nello sciroppo; cuocerle per circa 15 minuti e lasciarle raffreddare immerse nello sciroppo.

Nel frattempo preparare il risolatte: lessare il riso per 10 minuti partendo da acqua fredda leggermente salata.

Scolare il riso, pulire la pentola e riutilizzarla per portare ad ebollizione latte di cocco e acqua insieme alla cannella legata con spago in modo che non perda pezzettini in giro.

Unire il riso e cuocere finché il tutto non ha la consistenza di una crema; saranno necessari circa 20 minuti.

Togliere il riso dal fuoco e lasciarlo raffreddare per una decina di minuti mescolando spesso, quindi versarlo in bicchierini monoporzione.

Servire un bicchierino di riso spolverato -se piace- con poca cannella macinata e accanto una pera allo sciroppo sgocciolata.

Il tutto si conserva tranquillamente in frigo per qualche giorno, le pere immerse nello sciroppo e i bicchierini ben coperti; è necessario però estrarli dal frigo almeno mezz'ora (anche un'ora se possibile) prima di servirli per riportarli a temperatura ambiente: in caso contrario troverete degli sgradevoli pezzetti di olio di cocco solidificato nel risolatte.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



17 commenti:

  1. Bellissima coccola per iniziare l'anno!
    Un abbraccio e, davvero, sperem ;-)
    Kat


    ps: autunno/inverno ? ;-))))

    RispondiElimina
  2. Azabel, buon inizio. tanti auguri per un gustosissimo 2010!

    RispondiElimina
  3. Ma che bel dessert coccoloso e semplice!
    Mi piace il risolatte!!!!

    Buon 2010!!!

    Terry

    RispondiElimina
  4. @Kat, pure io pensavo autunno/inverno... poi ho googolato un po' e mi si dice pure estate, altri eliminano proprio l'inverno. M'han fatto confusione! ;))

    @Cobrizio, Terry, grazie :-*

    RispondiElimina
  5. Azabel prima di tutto .. che foto bellissima!!! sei troppo brava.. :')
    seconda cosa.. a me invece MI piace il latte riso... a me mi, come una bimba ;P è buonissimo.. Quando mia mamma prende Latteriso dell'esselunga di quella marca famosa lì che ora non mi viene in mente quale.. non c'è volta che gliene freghi qualche cucchiaino.. è troppo buono!! Questo tuo mi sembra pareggiarlo egregiamente, a guardarlo. Ma credo anche al palato non deluda.. si proverà sicuramente!

    Ma veniamo alle pere:se sai dirmi la tipologia esatta, saprò dirti altrettanto esattamente il periodo di maturazione e magari anche la provenienza. Ce ne sono tanti tipi.. le migliori sono le Decana ma non credo che con piccine picciò intendessi quelle, dato che sono più picciò che piccine.
    Le William ? Le Kaiser ?

    RispondiElimina
  6. io ancora ho da riprendermi dai bagordi (cibo+sbronza eheh), ieri sono stata tutto il giorno in letargo, ma senza grandi risultati :P

    ma passiamo a cose più importanti, tipo la tua ricetta...
    come fanno le tue foto ad essere sempre così deliziose? a far trasudare saliva davanti al monitor?
    il risolatte è un dessert che mi piace moltissimo, in realtà spesso e volentieri, quando lo preparo, lo mangio a colazione o per merenda, con una spolveratina di cacao o di cannella! questa versione col latte di cocco, se poi tu garantisci per la sua cremosità avvolgente, la devo assolutamente provare :)

    un abbraccio e auguri!
    *

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. fantastico il tuo mondo =((
    da oggi ti (in)seguo ;;)
    complimenti e auguri

    RispondiElimina
  9. ma perchèni fa il cuoricino? :-(

    RispondiElimina
  10. Che bell'accostamento, di ingredienti e di colori!
    Buon anno Azabel!

    RispondiElimina
  11. @ Manu, grazie, sei troppo buona!!! :x
    Non so la varietà, ne ha un alberello la contadina da cui faccio acquisti quando riesco.
    Sono piccoline, da mangiare in tre bocconi... per intenderci sono tipo le S.Lucia(che andrebbero benissimo), alte una decina di cm e bellissime!

    @Tartina, sei un tesoro... se veramente fan salivare vol dì che sto annando bene!! ;;)

    @Moleskine, piacere di fare la tua conoscenza! Ho le faccine incorporate nei post, sopra allo spazio per scrivere il commento puoi vederne l'anteprima :)

    @Ali, buon anno a te!

    RispondiElimina
  12. ciao,arrivo qui passando da quella golosastra super golosa, e mi accorgo che ti avevo già scovato tempo addietro, ma poi ti ho persa nella bloggosfera ....ora t'acchiappo e ti metto in vista, hai davvero delle ricettine interessanti, complimenti.....in quanto alle pere io ricordo di mangiarle già a fine agosto, quindi penso siano più autunnali....auguri in ritardo ;)

    RispondiElimina
  13. Ciao! Mi ricordo di te, ben ritrovata ;;)

    RispondiElimina
  14. ciao!!! ho letto ora d'un fiato tutti gli ultimi post (biscottini all'arancia siete miei!!!!)
    Per le pere: dipende dalla varietà, ce ne sono dalla tarda estate a fine primavera, un po' come le mele.Quelle estive sono precoci, quelle primaverili tardive, in mezzo ci sono quelle più 'di stagione' :)

    RispondiElimina
  15. Ciao Alice, buon anno!

    Questa ricetta l'ho provata oggi pomeriggio, anche se col latte vaccino e non con quello di cocco. Sai quando arrivi a casa ed è troppo tardi per pranzare ma troppo presto per cenare? Ecco! E' stata una sorpresa graditissima, sluuuuuurp

    PS: l'hai letto "Sotto la pelle" di M. Faber? Secondo me ti piacerebbe, io l'ho appena finito e mi ha fatto pensare a tutte le mie amiche vegane ;)

    RispondiElimina
  16. Grazia, allora mi sa che metto per tutte le stagioni ;) In effetti bene o male le pere ci sono sempre...

    @Ophelia, non ancora... ho visto il titolo del tuo ultimo post nel reader, quelli che mi sembrano interessanti li tengo sempre per ultimi e mi sa che ne parli no? Domani vengo a buttare un occhio! ;)

    RispondiElimina
  17. Ciao!
    Partecipa anche tu al Contest di Marzo de LA CUCINA ITALIANA dedicato al TIRAMISU'!

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/04/10.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina