Ad Menu

Crostata al cioccolato e arachidi salate

Crostata al cioccolato e arachidi salateArachidi salate e cioccolato... che abbinamento inusuale! Quando ne lessi da Lydia pensai subito si, lo devo provare... ma un cioccolato fondente sarebbe adeguato? Secondo lei si e... beh, Lydia, avevi ragione!
Dovendo usare un altro impasto ho scomodato Mr Montersino che nel suo Golosi di Salute presenta questa frolla di farro all'olio extravergine d'oliva. Una piccola aggiunta di cacao all'impasto, la ganache che guadagna in olio e latte ciò che ha perso in panna, et voilà, le jeux son fait ; )














Crostata al cioccolato e arachidi salate


Ingredienti per una teglia da 20 cm di diametro:

  • 160 gr di cioccolato fondente al 50% 
  • 75 gr di latte di soia, non aromatizzato né zuccherato
  • 40 gr di olio di riso 
  • 60 gr di arachidi salate 
  • zucchero a velo per decorare
Per l'impasto:
  • 70 gr di zucchero 
  • 35 gr di acqua 
  • 20 gr di olio evo 
  • 20 gr di olio di riso 
  • 140 gr di farina di farro bianca 
  • 25 gr di farina di mandorle 
  • 10 gr di cacao 
  • 3 gr di lievito 
  • un pizzico di sale
Procedimento:
Preparare l'impasto: sciogliere lo zucchero nell'acqua con un pizzico di sale, unire i due tipi di olio ed infine farina e farina di mandorle, cacao e lievito setacciati assieme. Lavorare velocemente e riporre l'impasto in frigo, coperto, per almeno mezz'ora.

Stendere l'impasto ad un'altezza di 3 mm e rivestire uno stampo da crostata oliato e infarinato o rivestito di carta forno; bucherellarlo e cuocerlo in bianco ricoprendolo con carta forno e fagioli (da riutilizzare solo per questo scopo) per evitare che cuocendo si gonfi.
Cuocere a 180° per circa 20 minuti, quindi togliere carta forno e fagioli, portare a termine la cottura ed infine lasciarlo raffreddare.

Nel frattempo sciogliere a bagnomaria il cioccolato, unirvi il latte tiepido e l'olio mescolando il tutto per bene.

Una volta che il guscio di pasta è ben freddo ricoprirlo con un sottile strato di cioccolato, cospargere per bene con le arachidi e versare il cioccolato rimanente.

Mettere la crostata in frigo per qualche ora, estraendola una mezz'ora scarsa prima di servirla cosparsa di zucchero a velo.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



24 commenti:

  1. io ti ADOROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! :X

    RispondiElimina
  2. Davvero spettacolare questa crostata, mi piace molto l'impasto all'olio d'oliva, devo assolutamente provarlo!

    RispondiElimina
  3. una goduria
    l'abbinamento è fenomenale... burro di arachidi e "nutella" ti dice nulla? :D

    RispondiElimina
  4. Bellissima come del resto tutto il blog Cara Alice.. Buon 2010... bacione

    RispondiElimina
  5. io adoro il contrasto dolce/salato!
    divina questa crostata, complimenti ;)

    *

    RispondiElimina
  6. Azabel carissima, felice che questo connubio abbia conquistato anche te.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Adoro i tuoi dolci in versione vegan!!!!
    buonissima crostata!!!!

    ciao Terry

    RispondiElimina
  8. E' assolutamente meravigliosa!!!Interessante l'olio nella frolla...ottimo sostituto!!!sei in gambissima Azabel!! un bacione!!

    RispondiElimina
  9. beh è a dir poco eccezionale!

    RispondiElimina
  10. fantastica questa crostata con la farina di farro!!!da provare ;-)

    RispondiElimina
  11. come possono esserti sono venuti dubbi sulla sua bonta'!?!?

    ps. hai mai sentito il cioccolato al sale? come mangire pane e nut&ll@ in riva al mare con la salsedine nell'aria
    ;-)

    RispondiElimina
  12. Una curiosità...dove trovo l'olio di riso?
    Laura

    RispondiElimina
  13. Complimenti per il blog...
    bello bello bello..
    Spero che anche il mio diventi bello come il tuo molto presto..
    Buona cucina.
    matteo

    RispondiElimina
  14. da noi in USA l'abbinamento peanut butter/chocolate è molto conosciuto, a me non fa impazzire, forse perché sono sempre stata "italian inside" e quindi a certe "schifezze americane" (come le chiama mio marito) non mi ci sono mai abituata, specialmente da quando sono arrivata in italia è un gusto che non mi è mai mancato, soprattutto anche perché di solito da noi si usa cioccolato al latte, questa versione è sicuramente più interessante

    RispondiElimina
  15. BEllissima crostatra! L'abbinamento con le arachidi salate è fantastico, ma mi incuriosisce molto anche questo impasto con farina di farro!!!

    RispondiElimina
  16. @Cri, pure ioooooooooooooooooooooo!!!!!! :))

    @Fra, si, è interessante... e poi trovare qualcosa di vegan da un grande maestro è cosa rara!

    @Viz, ehm, no :( sono una da *relativamente* poche porcheriole, eh eh!

    @Valentina, grazie, anche a te!:-*

    @Lydia, sarebbe stato impossibile il contrario!

    @Terry, graaazie :)

    @Sofy, convinta tu! :p

    @Federica, Moleskine, lo è... ma del resto, vista la provenienza della ricetta... ;)

    @Gaia, sentito parlare si ma assaggiato mai... credo sia finita in mezzo ai duemilamiliardi di to-do!

    @Laura, io lo trovo al supermercato... conosco solo quello della Scotti, non ne ho mai visti altri :)

    @Matteo, grazie :-*

    @Anonimo, anvedi... in effetti anche la ricetta di Lydia conteneva cioccolato al latte! Ti dirò, se è vero che talvolta certe "schifezze americane" mi lasciano basita, questa l'ho trovata parecchio interessante :)

    @Olivia, grassie!

    RispondiElimina
  17. Oddio ma che buonaaaa!!! Sì, arachidi e cioccolato si vede anche nelle barrette ai cereali al supermercato... Ma questa non regge il confronto!!
    Io una volta ho fatto dei cookies con arachidi salate e gocce di cioccolato. Come te, adoro quest'accostamento!

    RispondiElimina
  18. Marina, io di solito il reparto schifezzuole lo salto in toto... non mi dire che mi toccherà iniziare a frequentarlo per prendere ispirazione! ;))

    RispondiElimina
  19. Che bontà Azabel, la prossima volta che hai in programma questa crostata mi avvisi che parto subito per Verona? Adoro l'abbinamenteo cioccolato arachidi, ancor meglio se salate. Credo che sia la più grande invenzione culinaria americana... quest'accoppiata è stata per me una delle scoperte più esaltanti fatte durante un lungo soggiorno negli Stati Uniti un (bel) pò di anni fa. I miei allora compagni si portavano a scuola come snack (oltre allo stra-americano panino con burro d'arachidi e marmellata) le famose Reese's Peanut Butter Cups (base di cioccolato con ripieno di burro d'arachidi) e per me fu l'inizio di una lievitazione che mi fece ritornare in Italia con 10 chili tondi da smaltire. All'epoca però non ero nemmeno vegetariana e non leggevo le etichette sugli alimenti quindi immagino non fosse stata tutta colpa delle povere Reese's. Di Reese's da allora non ne ho più mangiate ma ho continuato a sperimentare l'abbinamento cioccolato-arichidi in varie forme. Funziona sempre!

    RispondiElimina
  20. E la curiosità uccise il povero gatto! e infatti muoio dalla voglia di provare questi abbinamenti così inusuali!

    RispondiElimina
  21. @Alice, basta avvisare e la troverai qui bella pronta! ^_^

    @Felix, la curiosità va sempre assecondata! :))

    RispondiElimina
  22. Ieri ho fatto un pezzo di questa crostata, la base (il sopra era di frutta causa marea di frutti di bosco da smaltire). E' una frolla perfetta! Credo che diventerà LA base delle mie future crostate. Grazie!

    RispondiElimina
  23. che dire...... il sito è fantastico, le ricette sempre e comunque più che perfette, per non parlare degli ingredienti scritti in ordine di utilizzo, della comodissima e precisissima versione stampabile della ricetta, delle foto impeccabili, della grafica così piacevole.
    Complice un neo-amico vegano negli ultimi due mesi ho preso d'assalto tutto il tuo archivio ed è un continuo sorprendersi delle meraviglie culinarie che escono! Mi riprometto di scriverti un commento a tutto quello che ho provato e che proverò!!!
    Grazie mille per tutto il tempo che dedichi a chi ti segue. Sappi che per chi è entrato da poco nel mondo vegan questo sito non potrebbe fare lavoro migliore.
    Ovviamente fatta anche questa torta: che fosse buona me lo immaginavo.....ma qui siamo alla libidine pura! Il problema è che è un continuo chiedermi di rifarla....!!!!
    baci
    irene

    RispondiElimina