Ad Menu

Pasta mantecata alle melanzane



No, non sono in ferie... e chissà se mai le farò!
(Forza Mirella, com'era il detto? Barcollo ma non mollo! Prima o poi riposeremo pure noi, io la speranza continuo a coltivarla :)
Nel frattempo bisogna pure mangiare... questa ricetta l'ho presa da qui, modificata leggerissimamente...non ho proprio la forza di dire altro.
Anzi, quasi dimenticavo: olio evo è l'olio extravergine d'oliva, tutto qui, nessun olio strano 'che uso io' come mi ha chiesto qualcuno...;)


Ingredienti per 2 porzioni:

  • 180 gr di spaghetti
  • 4 cucchiai d’olio evo
  • 400 gr. melanzane
  • 1 spicchio d'aglio
  • 200 gr. pomodori
  • 200 gr di latte
  • 1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
  • 6 foglie di basilico
  • sale
  • 2 foglie di basilico per decorare

Procedimento:

Tagliare le melanzane a julienne. In una padella scaldare 4 cucchiai di olio, quando e’ molto caldo aggiungere le melanzane e friggerle a fuoco alto finche’ non sono ben dorate.
Mettere da parte le melanzane cercando di lasciare nella padella piu’ olio possibile (basta raccogliere tutte le melanzane su un lato, inclinare la pentola in modo che l’olio scoli ed attendere qualche minuto).
Aggiungere uno spicchio d’aglio e soffriggerlo dolcemente.
Dopo 5 minuti aggiungere il pomodoro tagliato a cubi di circa 7 mm di lato: cuocerli 5 minuti a fuoco vivace quindi aggiungere melanzane, latte, lievito alimentare, basilico spezzettato, sale e cuocere ancora qualche minuto.
Nel frattempo si sara’ cotta la pasta tenendola indietro di cottura di un paio di minuti: scolarla e terminare la cottura direttamente nel sugo.
Impiattare decorando con una foglia di basilico fritta e servire.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



12 commenti:

  1. Pensavi che i Gennarini non arrivassero anche qua?!?
    Visto che hai provato questa ricetta volevo chiedere una cosa, a cosa serve il lievito? Ha qualche funzione particolare? Ho visto che (ovviamente) rispetto all'originale mancano i formaggi, viene usato per sostituirli (nell'effetto, non nel sapore)?

    Grazie :-)

    ps: non dimenticare di comprare le patate ;-)

    RispondiElimina
  2. ricetta interessante, anche io son curioso a cosa serve il lievito, inoltre per lievito alimentare cosa intendi quello chimico o quello di birra, in tal caso nella cottura si denatura.

    RispondiElimina
  3. @Ste0153: arghhhhh!!!!anche qui!!!! le compro, le compro...però poi faccio i pomodori al micro :P

    il lievito alimentare in scaglie non è quello chimico ma è saccharomyces cerevisiae (quindi lievito di birra) sottoposto ad essiccazione. Non è attivo, quindi non lievita e non si denatura in cottura, è un semplice ingrediente come tanti altri.
    Contiene parecchie vitamine e menate varie, se non ricordo male anche acido glutammico* ed infatti lo uso proprio come esaltatore di sapidità, un po' come la spruzzatina leggera di parmigiano o un goccio di salsa di soia fanno per altri piatti.
    Uh, dimenticavo, il lievito alimentare è il principale ingrediente della (o del) marmite, una crema inglese che non ho mai assaggiato ma sembra sia terribile (terribilmente buona o schifosa a seconda dei gusti)

    *ricordo che il gluttammato è naturalmente presente in molti altri alimenti come shoyu e parmigiano quindi niente facce schifate :P

    RispondiElimina
  4. dimenticavo: si trova nei negozi di prodotti bio sia nature che addizionato di malto(di solito non c'è scritto ma basta guardare in etichetta, il sapore cambia leggermente)

    RispondiElimina
  5. Anch'io ero curiosa dell'utilizzo del lievito e nei commenti qua sopra ho trovato le risposte che cercavo.
    Sai, ho fatto la stessa pasta ma, senza lievito e con l'aggiunta di ricotta per la mantecatura.
    Che buona!

    RispondiElimina
  6. Ciao!
    Sono senza parole per quanto invitante questa ricetta e quanto è bello il tuo blog...Perchè non passi da me e ti vieni a prendere un bel brillante?
    Basta che segui il regolamento http://favoledipane.blogspot.com/2008/07/guarda-come-luccica.html
    A presto
    Joe

    RispondiElimina
  7. Mi hai fatto venir fame!
    Gnam! ^__^

    RispondiElimina
  8. Il marmite è assolutamente... disgustoso ;-) Ottima invece la tua ricetta!

    RispondiElimina
  9. è un susseguirsi di bei blog! ti ho trovata su cucina_mente... bella la tua casetta.. vieni a trovarmi! abalush.

    RispondiElimina
  10. Uaaa, ma lo sapete che ho detto una mega str****ta??? Il/la marmite non è fatta con il lievito alimentare, è proprio estratto di lievito! Eh, vabbè...
    Grazie a tutti della visita :)))

    @Joe: arrivooooooo!!!!

    RispondiElimina
  11. Che tipo di latte? Di soja, di riso...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ma che sei andato/a a ripescare! Avevo usato soia, al naturale e non dolcificato, ma secondo me viene alla grande anche con latte di mandorla. Sempre non dolcificato, ovviamente.

      Elimina