Ad Menu

Crostata di zucca e noci


Niente zucchero, relativamente poco olio... dolce dietetico? No, manco un po', però mi piace pensarlo per godermelo senza troppi sensi di colpa :)

L'olio di sesamo gli conferisce un aroma abbastanza particolare che a me stuzzica, mentre al Darkoniglio no, devo ancora capire se è la crostata in sé a non piacergli o se è per la massiccia presenza di zucca presente nella ricetta (ma insomma, proprio un ragazzo a cui non piace la zucca dovevo trovarmi? Prima o poi riuscirò a fargliela piacere, devo solo trovare la ricetta giusta... ormai è una questione d'onore!).

Tornando a noi, questa crostata faceva parte di alcune ricette insegnatemi ad un corso di cucina naturale che ho seguito qualche tempo fa, anche se ovviamente l'ho modificata qui e là.

Aggiornamento del 7 novembre 2012: con questa ricetta partecipo a Salutiamoci di novembre, ospitato da La via macrobiotica. Per seguire le regole della raccolta vi consiglio di sostituire la farina per l'impasto con una farina tipo 2 oppure con una miscela al 50% di farina 0 e 2, mentre nel ripieno userei solamente farina 0.



Ingredienti per uno stampo da 26 cm:
Per la base:
  • 80 gr di olio di sesamo
  • 170 gr circa di succo di mela*
  • 1 pizzico di sale
  • 400 gr di farina 00 (oppure 260 gr di farina 00 e 140 gr di farina integrale)
  • 50 gr di noci
Per il ripieno:
  • 600 gr di zucca pulita
  • 150 gr di uvetta
  • 1 pizzico di sale
  • 50 gr di farina 00
  • 50 gr di noci
Procedimento:
Mettete in frigo olio e succo di mela, quindi tostare le noci e tritarle finemente.

Tagliare la zucca a pezzettoni e metterla in pentola con 200 gr d'acqua, un pizzico di sale e l'uvetta; cuocere a pentola coperta finché il tutto non risulta molto morbido e l'acqua completamente assorbita, quindi lasciar raffreddare.
Nel frattempo preparare la base: setacciare la farina con il pizzico di sale e sabbiarla con l'olio, aggiungere 50 gr di noci tritate e infine il succo di mela, il tutto senza lavorare troppo l'impasto per far sviluppare il glutine il meno possibile; lasciar riposare almeno mezz'ora coperto con pellicola o da uno straccio umido.
Trascorso il tempo di riposo, stendere l'impasto e rivestire lo stampo, sforacchiare il fondo con una forchetta e cuocerlo in bianco per 10 minuti a 180°. Con l'impasto rimanente fare delle striscioline per decorare la crostata con il classico motivo a griglia o ciò che si preferisce**.
Alzare il forno a 200°.
Frullare la composta di zucca (o passarla al passaverdura) e aggiungervi la farina e i rimanenti 50 gr di noci, mescolare bene e stenderla sulla base; decorare con i ritagli di impasto e cuocere per altri 20 minuti circa.

*La quantità di succo di mela dipende molto dalla farina usata, aggiungetene tanto quanto basta ad ottenere un impasto che stia insieme.
**Nella foto la decorazione non c'è perché ho preferito fare delle piccole crostatine con l'impasto rimanente, ma la quantità è più che sufficiente.
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



16 commenti:

  1. non che la ricetta non lo sia, ma la foto mi ha colpito molto

    RispondiElimina
  2. Che dire, grazie... e dire che l'ho fatta un po' di tempo fa, scattata completamente a caso... il c*** dei principianti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah felicità, su quale treno della notte viaggerai..lo so che passerai, ma come sempre in fretta, non ti fermi mai.. meditate gente, meditate. La vita è un soffio.E' giusto sentirsi "in colpa" per un pò di zucchero in un dolce? Magari un diabetico o una persona fortemente obesa..Immagino che conti la misura, nel cibo come in tutte le cose della vita.Tuttavia, tutta la mia simpatia e complimenti per le "acrobazie gastronomiche".

      Elimina
    2. Ma no, non è questione di colpa... tanto più che sono una persona godereccia, persino troppo, qui si disquisiva sull'ipocaloricità del piatto che, nonostante non contenga burro o zucchero sicuramente light non è :)
      Anche se in effetti qualche domandina sullo zucchero inizio a farmela: non parlo per me che non sono un'amante dei dolci e quindi ne consumo in dosi ridottissime, ma stiamo proprio facendo una raccolta *anticancro*, e tra i maggiori imputati c'è proprio lo zucchero in tutte le sue forme non naturali (e per naturali intendo tutto ciò che non è presente nei cibi non trasformati, quindi si a datteri, uvetta, anche succo di mela mentre vengono esclusi tutti gli altri dolcificanti, dallo zucchero integrale ai vari malti). Trovo sia un esercizio interessante, perché se è vero che la misura conta è anche vero che oggi si tende ad esagerare parecchio, dal cucchiaino o due nel caffé, alla fettina di torta a fine pasto, al biscottino per merenda, la marmellata a colazione ecc. Ecco che la misura non è poi così contenuta quanto si pensa, poi ovvio che dipende dalle singole abitudini.

      Elimina
    3. Sono perfettamente d'accordo con te, come credo fermamente che ognuno di noi debba seguire il proprio percorso di vita con le relative scelte, condivisibili o meno.
      Mi son fatta spesso prendere dal sospetto che il cibo potesse essere un nemico, una minaccia alla mia salute. Se non mi sentivo bene,cercavo di dare la colpa al glutine, agli zuccheri, alle proteine animali ( carne, latticini e uova ) eliminandoli sistematicamente dalla mia dieta.
      In realtà, col tempo, almeno per quanto mi riguarda, ho capito che mi stavo semplicemente allontanando dal cibo, che è una fonte di vita.
      Tornando al concetto di misura, ciò che intendevo esprimere, riguarda il fatto che ad oggi, neanche il biologico ( quindi anche i vegetali in generale ) può garantire prodotti perfettamente sani, a meno che la coltura non sia effettuata in terreni vergini, irrorati da acque chimicamente e microbiologicamente pure, magari lontanissimi da esalazioni industriali...cosa che non sembra realistica, né reale.
      Nel bene e nel male, questo è il nostro mondo, per questo mi affido al senso della misura.
      Ho lavorato per 11 anni in un reparto di Oncologia, ho conosciuto e, purtroppo, visto andar via, persone con stili di vita davvero differenti: ovviamente i fumatori, i consumatori accaniti di carne, ma anche vegetariani, salutisti, sportivi...credimi.
      Tuttavia, sono una persona curiosa, nessuno nasce "imparato", questo è il motivo che mi ha portato fino al tuo sito...
      Il consumo di carne lo sto già riducendo, soprattutto per rispetto nei confronti degli animali ( invece,ho completamente eliminato dalla dieta, da anni, agnello, coniglio e vitello ).
      Sicuramente, farò tesoro di molti tuoi consigli, e proverò alcune ricette, anche se non so se potrò mai diventare una vegana...
      Un saluto con rispetto e simpatia

      Elimina
  3. bhè penso che rinuncerai alla lotta con il fidanzato, io ormai c'ho perso le speranze con il mio, che non mangia funghi, latticini, RISO...e mille altre cose!!!!la tua crotata deve essere proprio buona, i miei complimenti..bacio

    RispondiElimina
  4. Rinunciare mai! Pensa che non gli piacevano nemmeno i carciofi, poi sono riuscita a farglieli riassaggiare ed ha ricominciato a mangiarli.. e adesso appena vede carciofi nel menu o al supermercato diventa matto ;)
    ce la farò!!!

    RispondiElimina
  5. beata te che puoi provarci..il mio è categorico: ma come si fa dico io!?!?buonanotte

    RispondiElimina
  6. Ma che spettacolo di foto... :-)))
    TeresaGennarino

    RispondiElimina
  7. Grazie capa :)
    /faccina che arrossisce/

    RispondiElimina
  8. Wow una torta senza zucchero! No mi è facile trovarne...perchè dici che non è dietetica? in confronto a una fetta di sacher è decisamente dietetica ma probabilmente ugualmente buona! Ho della zucca da far fuori e io adoro la zucca...questa ricetta cade a fagiolo!!! La voglio provare!!

    RispondiElimina
  9. Ehm... diciamo che per me non è dietetica perchè finisco sempre per mangiarmela tutta in un paio di giorni!!! ;) Anche se ovviamente si, lo zucchero non c'è, l'olio è poco e sicuramente è mooolto molto più sana della maggior parte dei dolci..
    Dai, se la provi fammelo sapere, ormai siamo agli sgoccioli per la zucca!

    RispondiElimina
  10. http://www.brek.com/blog/ricetta-halloween-crostata-di-zucca/

    ma questa foto è vostra o loro?

    RispondiElimina
  11. È mia, è mia... c'è pure il watermark ;)

    RispondiElimina
  12. bella e buona questa crostata....mi ispira molto sia la base che il ripieno...insomma inguaribile golosa :)

    RispondiElimina