Ad Menu

Dulce de leche... de coco

Dulche de leche al cocco




Non sono mai stata una grandissima amante dei dolci. Non che li disdegni, per carità, ma vi inviterei a mettermi davanti un'intera pizza in teglia o qualunque altra goloseria salata ed una bella torta. Il risultato? Subito, affamata, un pezzettino di dolce me lo farei volentieri, ma probabilmente dopo il secondo boccone mi butterei a capofitto sulla pizza. E si, potrei persino pensare di finirla tutta.

Un dolce per finire il pasto? Naaaa... preferisco riempire l'ultimo buchino con qualcos'altro. Se dev'essere dolce che sia come antipasto o colazione/merenda, ma in anche in questi casi, dopo, un boccone salato per pulire la bocca mi serve comunque. Lo so, probabilmente al solo pensiero di un dolce come antipasto avrete gli occhi strabuzzati ma che vi devo dire... provate! Il moroso l'ho già convertito da un po' ;)

Però, però.

Qualche dolce che mi fa perdere completamente la testa c'è, eccome.
Il dulche de leche fatto con il latte di cocco, per dire. Per chi non conosce il dulche de leche: si tratta di un dolce argentino: una marmellata, chiamiamola così, fatta con il latte al posto della frutta.
Meraviglioso sul pane, sul gelato, nei dessert, ma anche a dito se poprio non si trova nulla con cui accompagnarlo ;)
Non vorrei avere i ricordi troppo offuscati dal tempo ma, in questo momento, sarei pronta a giurare che quello fatto con il latte di cocco sia persino più buono dell'originale: immaginate il dulche de leche, ma fatto con panna al posto del latte e profumatissimo di cocco. Siete già svenuti? ; )
Ormai l'ho finito (come ve lo svelerò al prossimo post, intanto voi tenetene da parte esattamente la metà di quello che uscirà con questa ricetta ;) ma al solo pensiero mi vien voglia di rifarlo.
Ancora...
...e ancora...
...e ancora...



Dulce de leche de coco

Ingredienti per circa 600 gr:
  • 800 ml di latte di cocco per dolci
  • 300 gr di zucchero Demerara
  • 1/4 di stecca di vaniglia
  • 1/4 di cucchiaino di sale
  • 1/4 di cucchiaino di bicarbonato

Aprire la stecca di vaniglia, estrarne i semini e metterli in un'ampia pentola assieme allo zucchero.
Mescolare per bene in modo che non restino grumetti di semi di vaniglia.
Aggiungere il latte di cocco e il sale.

Cuocere, mescolando, finché lo zucchero non si è sciolto.
Proseguire la cottura su fuoco medio, facendo bollire abbastanza vivacemente: il latte di cocco non "sale" quanto il latte ma un po' si, è necessario prestarvi un minimo di attenzione.
Dopo circa 15 minuti aggiungere il bicarbonato.

Proseguire la cottura finché il dulche de leche si riduce circa a metà e raggiunge una buona consistenza: saranno necessari dai 30 ai 60 minuti, a seconda della larghezza della pentola e dalla forza del fuoco.
Per verificarne la consistenza é possibile fare la prova piattino, considerando che una volta lasciato riposare diventerà ancora più denso.

Invasare a caldo e, una volta raffreddato, conservare in frigo.
A me non è mai durato più di due settimane e quindi non ho idea del tempo di conservazione massimo ;)


Visualizza la versione stampabile della ricetta  

Le ricette in cui utilizzare il dulce de leche al cocco:
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



34 commenti:

  1. Deve essere uno sballo!!! Ma non lo provo almeno fino a maggio, so già che non potrei resistere, e visto che sono a dieta meglio evitare:-(
    Per il dolce ed il salato sono uguale uguale a te!

    RispondiElimina
  2. sei un genio!!!:)
    il mio ragazzo reduce da un viaggio in sud america è tornato con la fissa di questo dolce qui!!! solo che io non posso mangiarlo comprato nei supermercati, causa intolleranza alimentare al lattosio!! ora posso prepararglielo e fargli una sorpresa...e in più posso mangiarlo anche io!!!:)

    RispondiElimina
  3. ps: ho rifatto i tuoi burger con i fagioli neri...strepitosi!!

    RispondiElimina
  4. sbam.... son crollata stesa!
    ma sei geniale!
    il dulce al profumo di cotto.... solo a pensarci ho l'acquolina!
    ciao tresor!

    RispondiElimina
  5. Anche io con il lattosio non vado molto d'accordo...proverò con la versione al cocco!

    RispondiElimina
  6. mamma mia Alice, non ho mai commentato ma questa volta mi hai stesa... *_____*
    Ne voglio!
    Per latte di cocco intendi quello che bisogna agitare prima dell'uso (perchè la parte in alto si solidifica)?
    Grazie! ^_^
    Katy

    RispondiElimina
  7. Ciao Azabel! Wow che bella la tua versione del Dulche de Leche! Interessante! Grazie per questa ricetta!

    RispondiElimina
  8. Lo vorrei provare da un secolo ed eccoti, penso che farà perdere la testa anche a me. Grazie in anticipo ;-)

    RispondiElimina
  9. La devo provare assolutamente!! Gran bella ricetta e gran bella foto!!

    RispondiElimina
  10. scusa ma il dito mi è caduto dentro...ops!!!!!!!
    'naggia!
    adesso me lo devo mangiare tutto io ;P

    RispondiElimina
  11. Decisamente una bella idea...

    RispondiElimina
  12. Anch'io amo il dolce come antipasto, ma per motivi un po' diversi: a fine pasto, quando sono piena, non me lo gusto per bene, quindi preferisco mangiarlo prima! :)

    RispondiElimina
  13. Io invece perdo la testa al solo sentire la parola dolce... figuriamoci questa estrema bontà per di più al cocco! Una meraviglia!
    Donatella

    RispondiElimina
  14. E' proprio ora che lo provi anche io il dulce de leche...se dici che la versione "cocco" è più buona vorrà dire che la mia prima prova sarà con la tua ricetta!!
    baci
    Roberta

    RispondiElimina
  15. Ciao,

    Questo dulce e piu brasiliano che argentino.
    E il dulce piu amato in Brasile.

    RispondiElimina
  16. mi ha fatto sorridere l'impossibilità di dare consigli sulla durata massima del prodotto :))
    sì, proverò a farlo, incontra moltissimo i miei gusti, grazie :))
    B.

    RispondiElimina
  17. quando lo rifarai sei pregata di darne diffusione al circondario nel giro qualche km ^_______^

    RispondiElimina
  18. Da fare e rifare e rifare..subito!

    RispondiElimina
  19. Ecco, e ora chi me lo toglie dalla testa questo robo goduriosissimo?????

    RispondiElimina
  20. Ciao Azabel e complimenti per il tuo blog: è strepitoso!! :)
    Mi potresti dire che marca di latte di cocco usi e dove lo trovi?

    RispondiElimina
  21. eh si, mi hai decisamente convinto!! d'altronde, ho una lattina di latte di cocco che giace in dispensa da mesi!! qui su KBK c'è solo l'imbarazzo della scelta su come utilizzarla!! a presto!!

    RispondiElimina
  22. L'ho già detto che mi sembra golosissimo... ma sul pane???Sai che non c'avevo mai pensato??? Ho idea che ne mangerei fette e fette...

    RispondiElimina
  23. @Orione, pure tu? È un'epidemia! (parlo, parlo ma la prima a doversi mettere a dieta sarei io :D)

    @Rebecca, ne sono felice! Se lo provi fammi sapere, ed anche cosa ne pensa il tuo ragazzo ^_^

    @Babi, tirati su va!

    @Lise, giurin giurella: lo è :))

    @Manineinpasta, mi fa piacerissimo che ti sia utile ^_^

    @Fra, copia e PROVA! Stavolta è imperativo!

    @Katy, sono felice del tuo commento... fanno sempre piacere, quindi buttati più spesso :)
    Il latte di cocco si, è quello! Anche se d'estate mi capita di trovarlo già ben miscelato, ma ci siamo capite ;)

    @Kiara, felice che ti piaccia!

    @Edda, provalo... è imperativo anche per te!

    @Miso, grazie :D

    @Luby, spiace ma dito o non dito è finito :P

    @Mika, sono felice che ti piaccia :)

    @Vera, anche questo è vero ed è un po' il risultato che ottengo anch'io: a pancia piena non mi fa così voglia, non riesco ad assaporarlo per bene ;)

    @Donatella, io mi salvo solo per questo... vi siete mai chiesti per quale motivo continuo a pubblicare dolci? Posso produrne a tonnellate ma riesco a non divorarli, tutto qua! ;)

    @Roberta, spero che ti piaccia quanto è piaciuto a me :)

    @Anonimo, onestamente io ne ho sempre sentito parlare come DEL un dolce argentino (insieme agli alfajores), ma probabilmente è solo dovuto al fatto che conosco molti più argentini che brasiliani... grazie per l'informazione!

    @B, fammi sapere che ne pensi, mi raccomando ^_^

    @Elga, meglio di no... altrimenti addio forma! (forma? quale forma? :D )

    @Reb, io no di certo :P

    @Anonimo, grazie :)
    Onestamente dipende: lo trovo sia nei negozi bio che in quelli etnici (qui di solito ne hanno di due tipi, per dolci e da cucina: vanno bene entrambi visto che cambia di poco solo la percentuale d'acqua) ed anche nei supermercati forniti tipo Auchan e Esselunga (ma di solito costa un botto e non é certo giustificato). Il mio preferito è il Kathay che trovo in alcuni negozi etnici, ma va bene una marca qualunque.

    @Valeria, come avrai capito il latte di cocco è il mio ingrediente-feticcio... lo adoro!

    @Caris, prova se ti capita!

    RispondiElimina
  24. cavoli... segno immedietamente! chissà che profumo avevi per casa... comunque son della tua stessa idea.. dopo il boccone salato... il dolce proprio non mi serve eheh ^_^

    RispondiElimina
  25. This looks so delicious!! I miss eating dulce de leche.

    RispondiElimina
  26. conosco bene il dulce de leche argentino, buonissimo per altro, e questa versione mi sembra ancora più deliziosa, visto che come te sono una grande fan del latte di cocco!

    RispondiElimina
  27. Pensavo di aver commentato questa ricetta, provvedo subito! Sta cuocendo da 20 minuti nella mia cucina. Ma il bicarbonato a che serve in questa preparazione?
    E come faccio a convincere mia moglia a mangiarlo solo a colazione? Ciao ne'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dare quel bel colorino ambrato, favorendo la reazione di maillard... o almeno, a questo serve nel dulce de leche fatto col latte. Quando ho iniziato a farlo col latte di cocco ho seguito lo stesso ragionamento, ma in realtà lo metto perché l'ho sempre fatto, non ho mai provato senza :D

      Elimina
  28. E' da super sballo, lo faccio anche io ogni tanto ^_^

    RispondiElimina
  29. Ciao che bella ricettina, da provare.Ma dove si trova la stecca di vaniglia?Grazie mille e complimenti per il blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutti i supermercati nella zona dei preparati per dolci, vicino a vanillina & co. Di pessima qualità e ad un costo decisamente elevato.
      Altrimenti ne trovi anche nei negozi bio, nello stesso reparto, di qualità migliore ma ancora a costo elevato.
      Se hai l'abitudine di preparare dolci ti conviene ordinarla su ebay, si trova a prezzi decisamente concorrenziali anche se bisogna acquistarne quantità un pochino consistenti... ma se si impara a non usare più vanillina, lievito vanigliato o zucchero vanigliato non ci si impiega molto tempo a consumarla, ottenendo tra l'altro prodotti nettamente migliori dal punto di vista organolettico.

      Elimina
  30. Ciao, volevo dirti che la ricetta è stupenda. L'ho messa anche io sul mio blog, dicendo che è tua e ho linkato a questa pagina. Spero non ci siano problemi! Grazie per questa meraviglia. :)

    RispondiElimina