Ad Menu

Torta di prugne all'olio extravergine



Torta di prugne all'olio extravergine




Non chiedetemi perché, ma da quando ho letto questa ricetta pubblicata sul sito del New York Times non sono più riuscita a schiodarmela dalla testa. E che avrà mai di così particolare? Echennesò... si, daccordo, la storia dell'infarinare le prugne mi faceva strano ma, a parte questo, non mi pare ci sia nulla di così particolare.

Qualcosa però doveva pur esserci, accidenti... ripeto, cosa non so, ma dopo averla pigliata, rimaneggiata a modo mio e pappata posso dire che evidentemente dovevo provarla. Ho sfornato proprio ciò di cui avevo bisogno in quel momento, diamine!

Leggera leggera -ci si mangia tranquillamente in sei, fate il conto delle calorie: considerato che è un dolce siamo ai minimi termini-, ha un impasto profumatissimo di vaniglia, con brandy e olive che fanno capolino,  mentre la frutta leggermente asprigna fa da perfetto contrappunto alla crosticina di zucchero.

Alla faccia della leggerezza, nel giro di due colazioni è andata... ma questo, alla bilancia, non lo diciamo ;)




    Torta di prugne all'olio extravergine

    Per una teglia 25x18 (o da 24 cm di diametro)

    • 400 gr di prugne stanley
    • 120 gr di farina 00
    • 5 gr di lievito per dolci non aromatizzato
    • un bel pizzico di sale
    • 100 gr di zucchero
    • 110 gr di latte di soia al naturale, non zuccherato
    • 30 gr di olio extravergine delicato, ligure o del Garda
    • 30 gr di olio di riso
    • 10 gr di brandy
    • 1 piccola stecca di vaniglia
    • 1 cucchiaio di zucchero Demerara
    • olio di riso e farina per la teglia

    Portare il forno a 200°.
    Con un pezzetto di carta da cucina bagnata con poco olio di riso, ungere la teglia ed infarinarla.

    Tagliare a metà le prugne e denocciolarle. Cospargerle con 10 gr di farina presi dal totale, mescolare bene e metterle da parte.

    Setacciare in una ciotola i rimanenti 110 gr di farina con il lievito, quindi unire sale e zucchero.

    In una piccola brocca mescolare latte, olio extravergine, olio di riso, brandy e i semi estratti dalla bacca di vaniglia. Sbattere un po' con una forchetta per mescolare bene il tutto.
    Versare lentamente nella ciotola in cui si trovano gli ingredienti secchi, mescolando con una frusta a mano.

    Versare l'impasto nella teglia.
    Disporre le prugne sulla superficie, con il taglio rivolto verso l'alto, e spolverarle di zucchero Demerara.

    Cuocere per 35/40 minuti o finché la superficie risulta dorata.

    È più buona mangiata a temperatura ambiente, raffreddandosi lo zucchero forma una deliziosa crosticina sulla pasta.
     

    Visualizza la versione stampabile della ricetta  

    Altre ricette con le prugne:
    Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



    25 commenti:

    1. Bella, la provo. Guarda che non é per niente strano infarinare la frutta prima di metterla nell'impasto. Così si evita che finisca in fondo e la si ritrova anche in superficie bella come il sole.
      Ciao Luisa

      RispondiElimina
    2. Approvo al massimo! torta bella e profumata, morbida per l'uso dell'olio, e anche bella da vedere! mi sa che è da provare, sì!

      RispondiElimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      RispondiElimina
    4. Ciao Luisa! Hai perfettamente ragione, ma non in dolci di questo tipo in cui l'impasto è molto sottile... non sarebbe comunque scesa, credo piuttosto che abbia la funzione di assorbire il succo rilasciato dalle prugne evitando che vada a sciogliere lo zucchero, impedendo così la formazione della crosticina ;)

      RispondiElimina
    5. Che buona!!! Ho proprio cucinato qualcosa di simile lo scorso we. Non si resisteeee!!! Ciao

      RispondiElimina
    6. Veramente semplice e deliziosa!!!! La bilancia meno sa e meglio sta!!!

      Un bacione

      RispondiElimina
    7. Tu dimmi quale diavoletto malefico ha fatto si che oggi vedessi le prugne al super e decidessi di non comprarle...altrimenti sstarei gia' in cucina!
      E' bellissima, e ci credo che ti ha fatto tanto gola...

      RispondiElimina
    8. Io che amo le prugne, devo farla!!!

      RispondiElimina
    9. sembra davvero deliziosa, da provare!

      RispondiElimina
    10. la voglio, la voglio, la voglio, la voglio, la voglio, la voglio, la voglio..... credi che io abbia reso l'idea???? :)

      RispondiElimina
    11. 2 colazioni? Però sei stata brava. Io un dolce così in una mattinata lo faccio tranquillamente fuori

      RispondiElimina
    12. Riscontro varie difficoltà nell'esecuzione di questo MAGNIFICO dolcetto:
      1 riuscire a denocciolare le prugne... senza mangiarle tutte (soluzione: comprarne quantità doppia)
      2 riuscire a lasciar raffreddare la torta (soluzione: mangiarne un primo angolino scottandosi la lingua, aspettare che si intiepidisca e mangiarne un secondo angolino con minori danni collaterali, finalmente, dopo lunga attesa, sbaffarsela TUTTA!)
      Se riesco a superare queste due personali difficoltà sarò una donna in estasi! Non male come ricompensa no? ;-)
      Ti scrivo anche per dirti che... ho eseguito e proposto una tua ricetta in terra di Francia :-) Grazie :-)

      RispondiElimina
    13. Eheheh, ma come hai fatto a indovinare che pure io ho fatto così, appena sfornata???
      Ora però sono curiosa, che hai provato? ^_^

      RispondiElimina
    14. Azabel sono Mimì di VB ti ho lasciato alcuni commenti alle tue ricette, più che altro all'ultima che hai inserito per la quale attendo una rispostina!! :) Grazie mille
      e questa torta di prugne è meravigliosa come ogni tua ricetta ;)

      RispondiElimina
    15. Grazie Mimì... scusa il ritardo ma ultimamente sono online a singhiozzo, comunque ho appena risposto di la ^_^

      RispondiElimina
    16. Questa la devo rifare assolutamente prima che finiscano le prugne. Mi piace tutto compreso il suo aspetto rustico :-)

      RispondiElimina
    17. ciao, è meravigliosa (mi ha subito ricordato questo Plum Kuchen http://veganyumyum.com/page/2/ rifatto in versione non vegan da Cavoletto qui http://www.cavolettodibruxelles.it/2009/09/torta-di-susine-sottosopra). Quelle non le ho provate perchè non ero certa della mia traduzione dall'inglese e ci tenevo alla versione vegan...la tua entra negli hits 'da provare'

      RispondiElimina
    18. Sissi, è in qualche modo simile ad un plumkuchen, ma c'è una differenza fondamentalissima: nella mia niet lievito di birra. E' una tortina normale, non un lievitato come appunto il plumkuchen ;)
      Io non ho ancora trovato un plumkuchen che mi soddisfi, mi sa che proverò quello di veganyumyum... grassie grassie per il suggerimento ^_^

      /e vinco il record per il rapporto batttute/volte in cui ho scritto la parola plumkuchen, hihi!

      RispondiElimina
    19. Ho giusto delle prugne da finire e questa ricetta mi ispira molto.Ma vanno bene anche di una qualità diversa dalle stanley?

      RispondiElimina
    20. Ciao Eva, credo di si... al massimo saranno un po' più sugose, ma la farina dovrebbe assorbire bene :))

      RispondiElimina
    21. Ne parlavo proprio con un amica tedesca l'altro giorno. Lei mi diceva che la mangiava da piccola e che era semplice e buona.
      Adesso che ho pure la ricetta glie la devo proprio fare!!!

      grazie
      Sara

      RispondiElimina
    22. Non amo molto le prugne, be sinceramente non sono per la frutta in genere. Unico modo che me la fa gustare sono le torte, quindi magari perchè non provarla????

      RispondiElimina
    23. Nemmeno io a dire la verità... o meglio, mi piace ma mi fa tristezza, mi sbrodolo e non è mai mai alla temperatura giusta, o è troppo fredda o la dimentico a marcire da qualche parte: ti capisco benissimo! :))

      RispondiElimina
    24. Ma le olive (in una torta dolce??) dove stanno?? Prima delle ricetta le nomini, poi nell'elenco ingredienti non appaiono...

      RispondiElimina
    25. mi sono mangiata un paio di parole, intendevo il profumo dell'olio extravergine d'oliva :)
      Comunque si, anche con le olive si fanno torte dolci. Io avevo provato una torta, purtroppo ho perso gli appunti relativi ma l'avevo elaborata a partire da quella di Virginia che trovi qui http://spilucchino.blogspot.it/2012/11/ve-lo-ricordate-l-olivotto-la-grappa.html

      RispondiElimina