Ad Menu

Mini plumcake fragola e limone

Mini plumcake fragola e limone senza burro e senza uova




Foto un pochino strana quella di oggi: normalmente allestisco il set, scatto, aggiusto, riscatto, modifico qualcosina e così via. Questa volta invece mi sono fermata alla prima foto visto che mi sono chinata per scattare... e la schiena ha fatto crock!
Vi sento: ma non dicevi di usare sempre il cavalletto? Beh, si. Quando uso la fotocamera. Questa foto invece l'ho fatta con il mio nuovo iPhone ^_^

Perché ve lo racconto? Beh, intanto perché avrei potuto fare una foto migliore ;-)
Ma non è solo per questo.
Chi di voi ha un blog è fin troppo abituato a ricevere proposte di collaborazione da aziende che offrono di testare i loro prodotti in cambio di un post, con la più o meno palese richiesta di una recensione positiva.

Come sapete non ho problemi a recensire e pubblicizzare prodotti. Se mi piacciono veramente, se mi ci trovo bene, se vale veramente la pena di consigliarveli, ma se mi chiedi di provare un prodotto voglio e pretendo la libertà di parlarne in autonomia, visto che qui la faccia ce la metto io ;-)

Fortunatamente non tutte le aziende sono tutte uguali: c'è chi decide di puntare su trasparenza, pareri oggettivi e che vede le collaborazioni come un sistema per migliorare il proprio servizio e sapere cosa ne pensano esattamente i clienti.
Aziende che, per come la penso, vanno premiate: in molti non riescono a capire il rapporto di fiducia che si instaura tra blogger e lettori e non tutte sono disposte a comprenderlo e a mettersi in gioco. Quando questo avviene sono la prima ad accettare con piacere :-)

Questa volta sono partita un pochino avvantaggiata perché vi voglio parlare di un'azienda di cui mi ero già servita in precedenza con una certa soddisfazione: sto parlando di Groupon.
Probabilmente la conoscete già, è un'azienda che offre voucher di sconto che permettono di risparmiare fino al 70% su tantissimi tipi di attività, prodotti e servizi.
Me ne ero già servita in passato usufruendo di ottime occasioni ed in effetti ce ne sono per tutti i gusti: cene, centri estetici, soggiorni, articoli per la casa, c'è veramente di tutto e le offerte possono essere nazionali ma anche locali: all'iscrizione si comunica per quali città si desidera essere aggiornati e si ricevono solo le offerte relative a quella zona. Una vera comodità e un gran risparmio, ma anche un ottimo modo per provare a prezzi agevolati i negozi nei dintorni di casa ;-)

Come dicevo mi ero già servita di Groupon, ma avevo sempre acquistato servizi: eviterei di entrare nel dettaglio visto che un blog di cucina non mi sembra lo spazio più adatto per parlare di peli superflui ;-), e devo dire di essermi sempre trovata bene, come i miei colleghi che ne approfittano quasi più spesso di me.
Non avevo ancora provato ad acquistare un prodotto, e devo dire che anche questa volta sono rimasta estremamente soddisfatta; oltre ad aver comprato un iPhone 4S ad un prezzo inferiore a quello di mercato è anche arrivato ben prima del previsto: parlavano di 10 giorni lavorativi, e invece dopo 4 era già sulla mia scrivania.

C'è stata un'unica pecca, infatti hanno impiegato più di un mese per inviarmi la fattura (che viene emessa direttamente dal negozio che vende l'oggetto/servizio o va richiesta tramite il servizio clienti a seconda del tipo di offerta): forse questa è una cosa che potrebbe essere migliorata ma sinceramente, visto lo sconto applicato -in questo caso non altissimo, ma se conoscete i prodotti Apple sapete anche che gli sconti sui loro prodotti sono una specie di miraggio-, secondo me ne è valsa la pena eccome: in fondo poco importa, la data di vendita era corretta e quindi potrò registrare la spesa senza nessun problema :-)

Che dite, passiamo alla ricetta di oggi?

Non ricordo esattamente dove ho sentito parlare per la prima volta del metodo Tang Zhong... anche se ho un -vaghissimo- ricordo in cui Adriano usava una crema tipo pasticcera (altra cosa, quindi, anche se il concetto di base credo sia simile) all'interno di un lievitato -o forse no, l'ho detto che è un ricordo vago-.

Si tratta di un metodo diffuso nella comunità cinese in seguito a un libro del 2004 scritto da Yvonne Chen, che permette di ottenere un pane morbido ed elastico partendo da un preimpasto (chiamato milk o water roux) ad altissima idratazione composto da acqua o latte e farina e portato a 65° per far gelatinizzare le proteine. Se ne usa fino al 25/30% rispetto al peso della farina ed è un'alternativa agli emulsionanti usati comunemente nei lievitati.
Il risultato è un'alveolatura fine ed omogenea ed un prodotto estremamente soffice che si conserva a lungo.

Io ho preso spunto dalla ricetta di Martina che ha adattato questo metodo ad un dolce, arrichendolo con fragole fresche e secche per accentuarne il profumo. Il risultato? Decisamente da rifare!



/Lo so che ve lo state chiedendo: no, l'iPhone non me l'hanno regalato, ho solo ricevuto un piccolo buono sconto per testare il servizio :-)




Mini plumcake fragola e limone col metodo Tang Zhongh
Ingredienti per 12 stampi monoporzione da 10x5 cm:
  • 100 gr di milk roux
  • 300 gr di yogurt di soia al naturale
  • 100 gr di olio di riso o mais
  • 20 gr di malto di riso o miele
  • 200 gr di zucchero (opzionale: aromatizzato con un po' di vaniglia)
  • zeste di 1 limone
  • 200 gr di farina 00
  • 200 gr di fecola di patate
  • 15 gr di lievito per dolci non aromatizzato
  • 5 gr di bicarbonato
  • 50 gr di fragole essiccate
  • 1 pizzico di sale
  • 200 gr di fragole
-Per il milk roux:
  • 12 gr di farina 00
  • 120 gr di latte di soia al naturale
-Per la glassa:
  • zucchero a velo
  • succo di limone

Portare il forno a 180º.

Per il milk roux: sciogliere 12 gr di farina in 120 gr di latte, senza formare grumi. Mettere sul fuoco e cuocere mescolando continuamente fino ad arrivare alla temperatura di 65º, o finché il composto inizia a velare un cucchiaio. Versare il milk roux in una ciotola e raffreddarlo in un bagnomaria freddo. Chiuderle il milk roux con pellicola a contatto, si conserva in frigo per almeno un paio di giorni.

Frullare finemente le fragole essiccate con un paio di cucchiai di farina (presi dal totale) e tagliare a piccoli cubetti le fragole fresche.

In un'ampia ciotola mescolare 100 gr di milk roux con yogurt, olio, malto, zucchero, zeste di limone e un pizzico di sale.
Aggiungere farina, fecola, fragole essiccate, lievito e bicarbonato setacciati. Mescolare senza lavorare in modo eccessivo per non ottenere un impasto gommoso.
Unire le fragole fresche e mescolare brevemente.

Distribuire il composto negli stampi e infornare.
Cuocere per 25/30 minuti o finché uno stecchino inserito nel mezzo esce pulito. 
Lasciar raffreddare i plumcake su una gratella per dolci.

Preparare la glassa aggiungendo a circa 100 gr di zucchero a velo il succo di limone, poche gocce per volta, fino ad ottenere una consistenza scorrevole ma densa. 
Accertarsi che i plumcake si siano raffreddati completamente prima di cospargerli con la glassa. 

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog. Lo puoi ricevere anche tramite mail!



26 commenti:

  1. Una foto bellissima come sempre...dai, è valsa il croc della tua schiena ;-)
    Rimettiti presto, e questi li salvo per quando ho a cena la mia amica veg :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna mi sono rimessa in sesto... peccato che i plumcake nel frattempo siano magicamente spariti ^_^

      Elimina
  2. C'è qualcosa di poetico in piccole tortine picchiettate di rosso e coperte da una glassa candida che cola in rivoli lungo i bordi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E bisogna avere la poesia dentro di sé per poterla vedere :)

      Elimina
  3. A me la foto piace!! E' molto delicata! grazie di aver provato i miei plumcake in versione vegan! Sono contenta che ti siano piaciuti! Mi dispiace un po' per la schiema! :) Spero sai ok ora! Ti metto nella pagina delel "mie ricette fatte da voi"....;)

    RispondiElimina
  4. la foto è bellissima! complimenti ma la prossima volta usa il cavalletto che la schiena borbotta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh, direi che è meglio :)))

      Elimina
  5. ciao Azabel, ti ho conosciuto sul campo durante il primo corso con Babs all'Arte del Convivio e devo dire che i tuoi scatti con Iphone o reflex sono sempre molto intensi. Per quanto riguarda il Tang Zhong proprio non lo conoscevo e mi ha davvero sopresa! Un appunto su Groupon, come al solito l'esperienza è molto soggettiva. Io ho acquistato un corso di fotografia e mi sono trovata molto bene (ma sui servizi secondo me si hanno meno fregature) mentre sui prodotti...Striscia la notizia ha dedicato un intero servizio ai disservizi di Groupon! A una mia amica l'Iphone non è MAI arrivato e ha dovuto richiedere i soldi indietro. Ma si sa che dietro Groupon ci sono le società, quindi se un'azienda non è seria, anche Groupon ci rimette la faccia (purtroppo). Grazie per in tuo feed-back e sopratutto per l'onestà intellettuale (merce sempre più rara) di scrivere di cose a cui credi e non per una semplice marketta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente l'esperienza è soggettiva, e come dici tu loro sono degli intermediari... anche con i servizi la stessa cosa, ci sono comunque dietro altre aziende e Groupon si limita a vendere voucher, per quanto possano essere attenti credo che il disservizio possa capitare sempre.
      Credo anche che pian piano Groupon stia "raddrizzando il tiro" per quanto possibile: quando ho comprato l'iPhone, infatti, specificavano che la spedizione era gestita direttamente da loro ed infatti il servizio è stato eccellente.

      Elimina
    2. Ovviamente le esperienze possono essere diverse, io mi posso solo limitare a parlare delle mie :)
      Purtroppo proprio per il ruolo che ha Groupon temo che il rischio di disservizio sia sempre dietro l'angolo, come dici tu se l'azienda che vende il prodotto/servizio non è seria ci rimettono la faccia pure loro.
      Però ho la sensazione che stiano tentando in tutti i modi di aggiustare il tiro per evitare problemi simili: il controllo totale da parte loro penso sia impossibile ma, ad esempio, quando ho comprato il mio iPhone era specificato che la spedizione era a carico direttamente di Groupon... e difatti il servizio è stato eccellente :)

      Elimina
  6. Io con le foto sono un disastro!
    Ho un i phone anche io ma perchè gli altri sanno sempre fare di meglio???
    Booooh!!!
    Misteri!
    ....
    Maritotigre utilizza groupon, io no.
    Ma hai ragione, anche a me se propongono qualcosa devo poter essere libera di dire quello che penso.
    Il prodotto fa schifo?
    Lo dico, punto e basta.
    Ottimo?
    Idem dico per filo e per segno tutti i pregi/difetti.

    I tuoi dolcini?
    Buoniiiiiiiiiiii :)))))

    RispondiElimina
  7. Ma non è vero che fanno schifo, eddai :)
    Come per tutte le cose bisogna studiare ed applicarsi, applicarsi, applicarsi, ma non è detto che tutti debbano per forza fare qualunque cosa al meglio, servirebbero 10 vite per conoscere ed imparare -quasi- tutto :D

    RispondiElimina
  8. La foto è bellissima, i dolcetti pure...e la tecnica mi ispira parecchio, ma mi sembra un po' complicata...sarà che appena sento parlare di gradi e misure come "12 gr" mi sento incapace, anche se so che per la pasticceria è fondamentale. :-(
    Tu comunque Alice sei sempre una grande fonte di arricchimento, sia per quel che riguarda le ricette che per la fotografia; sei bravissima, davvero. :-)

    PS non credo di averla mai vista qui sul blog, ma tu la crema pasticcera come la fai? O forse non la fai perché non ti piace, chissà... Grazie comunque :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Katy, scusami... non avevo visto questi messaggi!
      Fatti regalare una bilancia che pesi al grammo, è un ordine! :))
      Io la pasticcera... non la faccio. Non ci sono ancora arrivata, faccio dei potàci se proprio mi serve qualcosa di simile ma non ho ancora studiato nulla al riguardo :)

      /pure tu mica scherzi eh, il tuo blog è uno dei miei preferiti... credo che siamo in sintonia per molte cose :)

      Elimina
    2. Mi fai arrossire, davvero! Grazie mille! :-)
      La bilancina al grammo ce l'ho -ma non la uso....-, mi manca il termometro ;-)

      Io di pasticcere ne ho provate tante, l'ultima è quella di Salvini in "Cucina vegana" (ce l'hai,vero?)...davvero ottima, probabilmente la mia preferita. Lui la chiama salsa al latte di riso, ma è una vera e propria crema. Quando ti vuoi buttare, provala :-)

      Elimina
  9. quando si dice il racchiudere le emozioni in uno scatto. che ti ha valso un crock (a proposito, come stai?) ma che è tanto bello.
    i plumcake sono un po' speciali, per me, al limone anche più di speciali, li faceva la mia nonna :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, bene... la schiena mi fa sempre dannare, ma ultimamente è migliorata parecchio ^_^

      Elimina
  10. ma, ma, ma... perché non ho ancora commentato? perché sono una scema!!! dolce meraviglioso, Alice! un abbinamento classico che non stanca mai! bravissimaq!!!

    RispondiElimina
  11. Beh, come prima foto con l'iPhone cosa vuoi di più? E' slurposissima! Certo, sarebbe stato meglio preservare la schiena... :-P. Il metodo che hai usato è da sperimentare. Grazie dello spunto, come sempre utilissimo!

    RispondiElimina
  12. Complimenti per la foto! Il metodo che hai usato mi incuriosisce molto, anche se non ho ancora avuto il coraggio(tempo) di provare. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare lungo ma ti assicuro che è rapidissimo, prova :)

      Elimina
  13. In autunno mi prende sempre la voglia zuccherina e appiccicosa di preparare dolci.
    Pur non avendo gli stampini per i mini plumcake l'ho fatto... é fantastico, una torta morbida e leggermente umida dal gusto delicato!! Adoro, adoro, adoro le tue ricette! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Virginia, non puoi capire la soddisfazione :)))

      Elimina